<
n° 8
30/4/2009
Numero 8
Numero 8

30 Aprile 2009

PROGETTO SCHUMAN, edizione 2009

SOMMARIO:
Iniziative prossima attuazione
Normativa Comunitaria
Approfondimenti
Informazioni specializzate dall'UE, in collaborazione con Euroreporter
Gare d'appalto
Ricerca Partner
Bandi Europei
Bandi Fondi Strutturali
Euro Cooperazioni
Sportello Europa Romania
Sportello Balcani
Sportello Veneto USA
Sportello APRE
Contatti

Sabato 9 maggio 2009, alle ore 15.00, presso la Scuola Grande di San Rocco a Venezia, si terr la cerimonia di premiazione del Progetto SCHUMAN, arrivato alla quinta edizione, che questanno ha coinvolto pi di 78 scuole per un totale di circa 170 classi. In questa data ricorre infatti lanniversario della Dichiarazione Schuman, considerata l'atto di nascita dell'Unione Europea: il 9 maggio del 1950 il Ministro degli Esteri francese Robert Schuman propose di creare un Europa unita ed organizzata, indispensabile al mantenimento di relazioni pacifiche fra gli Stati membri: da allora in quella data si celebra la festa dell Europa , che l'occasione per organizzare eventi e manifestazioni che avvicinano l' Europa ai suoi cittadini. Il tema della cittadinanza europea stato proprio al centro di un concorso, promosso dalla Regione del Veneto e da Eurosportello del Veneto, che ha impegnato la creativit di ogni classe chiamata a parteciparvi, attraverso la produzione di elaborati scritti, contributi audiovisivi, prodotti artistici o musicali.
Alla cerimoniadi premiazione, a cui sono state invitate le prime 15 classi (le finaliste), saranno rivelati i nomi dei vincitori che voleranno a Bruxelles! Il primo premio in palio infatti un viaggio nella capitale d Europa alla scoperta delle Istituzioni dellUnione. Per le classiseconda e terza classificata sono invece in paliodue buoni-viaggio, rispettivamente di 5.000 e 3.000 Euro, per una destinazione europea a scelta. Nella mattina dello stesso giorno, le classi che hanno dato la propria disponibilit, parteciperanno ad unestrazione speciale che permetter, alle quattro pi fortunate, di essere invitate al Giro dItalia, che questanno partir dal Lido di Venezia.

HOME

INIZIATIVE DI PROSSIMA ATTUAZIONE

CORSO DI EUROFORMAZIONE - Marghera-Venezia, 8/4/2009-3/7/2009

Eurosportello Unioncamere del Veneto, con il co-finanziamento della Regione Veneto, organizza il Corso di Euroformazione 2009, che si terr, con cadenza settimanale, a partire da mercoled 8 aprile 2009 fino al 3 luglio 2009.
Il Corso, completamente gratuito ed aperto a tutti, sar articolato in 25 sessioni, frequentabili singolarmente, dedicate ai pi rilevanti temi del diritto e della politica europea (programma allegato). La frequenza, inoltre, sar valida ai fini della pratica professionale di Avvocato e Consulente del Lavoro.


Per iscriversi basta inviare via fax o tramite e-mail la scheda di adesione, almeno una settimana prima della data di realizzazione del modulo cui si interessati a partecipare.


http://www.eurosportelloveneto.it/corsoProgettazione.asp?mnuSel=11

LINK AD ALTRE INIZIATIVE:
APPELLO ALLA MANIFESTAZIONE DINTERESSE - FORNITURA DI SERVIZI SPECIALISTICI E DI CONSULENZA PER UNIONCAMERE DEL VENETO - EUROSPORTELLO DEL VENETO
EURALINET - COLLABORAZIONE ITALIA-URUGUAY

START CUP VENETO 2009

SETTORE HO.RE.CA. (HOTEL, RESTAURANT AND CATERING) - CAMERA DI COMMERCIO ITALIANA IN BULGARIA E NATIONAL ASSOCIATION HOTEL, RESTAURANT, CAFETERIA - PROGRAMMA EVENTI E FIERE 2009

B2B MEETING: ISRAELE, NOVEMBRE 2009 - SETTORE ACQUA (DESALINIZZAZIONE, TRATTAMENTO E RICICLAGGIO, EFFICIENZA ED OTTIMIZZAZIONE, IRRIGAZIONE)
PRIMA SETTIMANA EUROPEA DELLE PMI
Bruxelles, 6-14 maggio 2009

Dal 6 al 14 maggio p.v. avr luogo la prima Settimana Europea delle PMI, una campagna coordinata dalla Commissione Europea per la promozione del sistema delle Piccole e Medie Imprese, che nel territorio europeo costituiscono il 99,8% del totale di oltre 20 milioni di imprese presenti.


Obiettivo di questa prima campagna quello di fornire supporto a chi gi imprenditore ed a chi intende diventarlo, offrendo, attraverso una fitta serie di attivit e di iniziative quali conferenze, seminari, fiere, open day in aziende ed attivit on-line, la possibilit di acquisire informazioni sulle iniziative a sostegno delle imprese, di stabilire contatti, di

individuare opportunit di networking e di elaborare nuove idee. La prima settimana delle PMI coinvolger contemporaneamente i 34 Paesi partecipanti. In questo contesto, la Delegazione di Bruxelles di Unioncamere del Veneto sta organizzando un incontro per il 6 maggio, a partire dalle ore 9.00, presso la propria sede in Avenue de Tervueren 67, B 10740 Bruxelles, sul tema LE NUOVE SFIDE PER LE PMI NELLEPOCA DELLINTERNAZIONALIZZAZIONE.

Programma

Scheda di registrazione

HOME

NORMATIVA COMUNITARIA

AMBIENTE

LIBRO BIANCO L'adattamento ai cambiamenti climatici: verso un quadro d'azione europeo {SEC(2009) 386} {SEC(2009) 387} {SEC(2009) 388} COM(2009) 147 definitivo


CULTURA-AUDIOVISIVI

RACCOMANDAZIONE di decisione del consiglio relativa alla manifestazione "Capitale europea della cultura" per l'anno 2012
COM(2009) 167 definitivo

RELAZIONE della Commissione Europea al Consiglio, al Parlamento europeo, al Comitato Economico e Sociale europeo e al Comitato delle Regioni - Relazione finale sull'attuazione e l'impatto della seconda fase (2000-2006) dei programmi d'azione comunitari in materia d'istruzione (Socrates) e di formazione professionale (Leonardo da Vinci) e del programma pluriennale (2004-2006) per l'integrazione efficace delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (TIC) nei sistemi d'istruzione e di formazione in Europa (eLearning) COM(2009) 159 definitivo

COMUNICAZIONE della Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato Economico e Sociale europeo e al Comitato delle Regioni - Un nuovo partenariato per la modernizzazione delle universit: il forum dellUE sul dialogo universit-imprese {SEC(2009) 423 SEC(2009) 424 SEC(2009) 425}
COM(2009) 158 definitivo

DECISIONE della Commissione del 20 Aprile 2009 che istituisce lAgenzia esecutiva per listruzione, gli audiovisivi e la cultura per la gestione dellazione comunitaria nei settori dellistruzione, degli audiovisivi e della cultura, in applicazione del regolamento (CE) n. 58/2003 del Consiglio (2009/336/CE)
(GUUE L 101/2009)


TELECOMUNICAZIONI, SOCIETA DELLINFORMAZIONE

COMUNICAZIONE della Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato Economico e Sociale europeo e al Comitato delle Regioni - Nuovi orizzonti delle tecnologie dellinformazione e della comunicazione una strategia di ricerca sulle tecnologie emergenti e future in Europa COM(2009) 184 definitivo

COMUNICAZIONE della Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato Economico e Sociale europeo e al Comitato delle Regioni - Nuovi orizzonti delle tecnologie dellinformazione e della comunicazione una strategia di ricerca sulle tecnologie emergenti e future in Europa COM(2009) 184 definitivo

CONSUMATORI

REGOLAMENTO (CE) N. 330/2009 della Commissione del 22 aprile 2009 recante modalit di applicazione del regolamento (CE) n. 2494/95 del Consiglio per quanto riguarda norme minime per il trattamento dei prodotti stagionali nellindice dei prezzi al consumo armonizzato (IPCA) (Testo rilevante ai fini del SEE) (GUUE L 103/2009)

HOME

APPROFONDIMENTI

PROPOSTA DELLA COMMISSIONE PER LA LOTTA CONTRO I RITARDI NEI PAGAMENTI

Sulla base degli impegni presi con lo Small Business Act, in data 8 aprile 2009 la Commissione Europea ha proposto un nuovo approccio politico nellaffrontare la questione dei ritardi nei pagamenti ed ha proposto modifiche sostanziali alla Direttiva 2000/35/CE sul ritardo nei pagamenti.
La Commissione propone che le autorit pubbliche diano l'esempio pagando - di regola le loro fatture entro trenta giorni. In parallelo, la Commissione si impegna ad accelerare il pagamento di beni e servizi al fine di rispettare pienamente gli obiettivi per il pagamento fatture e, in un certo numero di casi, si propone di ridurre i tempi di pagamento rispetto a periodo legalmente stabilito.
Le modifiche proposte riflettono l'importanza di garantire tempestivi pagamenti alle aziende, soprattutto per le PMI.

In particolare la Commissione propone le seguenti modifiche:

  • di regole le autorit pubbliche dovrebbero pagare entro trenta giorni altrimenti essi dovranno pagare gli interessi, una compensazione per i costi di recupero ed una compensazione forfettaria di 5% dell'importo dovuto, che interviene dal primo giorno di ritardo. In casi debitamente giustificati i termini di pagamento potranno essere pi lunghi;

  • la libert contrattuale sar rispettata nei rapporti commerciali tra aziende. Tuttavia in caso di ritardo nei pagamenti ogni impresa avr il diritto di reclamare interessi di mora ed una compensazione dei costi di recupero;

  • le norme che disciplinano i contratti esplicitamente vessatori sono rese pi severe.

Questa proposta mira a migliorare il flusso di cassa delle imprese europee che particolarmente importante in tempi di recessione economica. Essa mira anche a facilitare il buon funzionamento del mercato interno attraverso l'eliminazione degli ostacoli alle transazioni commerciali transfrontaliere.

La proposta della Commissione sar esaminata dal legislatore secondo la procedura di codecisione. Se adottata, la Direttiva esistente 2000/35/CE verr modificata in base a questa proposta.

Maggiori informazioni sulla proposta sono disponibili sul sito della DG Impresa e Industria sito http://ec.europa.eu/enterprise/regulation/
late_payments/index.htm

Per saperne di pi dello Small Business Act per l'Europa, si prega di visionare il link:

http://ec.europa.eu/enterprise/
entrepreneurship/sba_en.htm

PROSSIMI ORIENTAMENTI PER LA POLITICA DI COESIONE DOPO IL 2013

Il Commissario europeo per la politica regionale Danuta Hbner, ha chiesto al direttore generale del Ministero delleconomia e delle finanze italiano Fabrizio Barca, di redigere una relazione in merito ai possibili futuri orientamenti della politica di coesione dopo il 2013. La relazione formula dieci raccomandazioni che daranno spunto ad una riflessione nellambito degli incontri che saranno organizzati dalla Presidenza ceca e svedese dellUnione europea. Gli elementi interessanti per la Commissione europea sono il sostegno ad un dialogo strategico e consolidato tra Commissione e Stati membri, al fine di affrontare le enormi sfide quali:

riduzione della disoccupazione, economie regionali e riconversione economica. Fabrizio Barca ha segnalato che la politica di coesione dovrebbe riguardare una strategia di sviluppo basata sul luogo che ha due obiettivi: un obiettivo politico per ridurre la sottoutilizzazione di capacit di alcuni posti ed un obiettivo sociale per rimediare a quelle popolazioni che vivono sotto la soglia della povert.
Per maggiori informazioni:

http://ec.europa.eu/regional_policy/future/pdf/
report_barca:v2104.pdf

LE CITTA E LE REGIONI DEUROPA PRONTE PER IL FUTURO

Lo scorso 24 aprile quasi 1000 rappresentanti degli enti locali e regionali, in occasione della 24 edizione degli Stati Generali, hanno approvato una risoluzione ed una dichiarazione sulle direzioni che l Europa dovrebbe prendere nellimmediato futuro, dal punto di vista dei comuni e delle regioni, per rafforzare lUnione Europea a tutti i livelli. La risoluzione chiede un maggiore controllo sulle istituzioni finanziarie, il mantenimento del ruolo potenziale dei governi locali, lorientamento degli investimenti verso i poteri locali e regionali, il riconoscimento del ruolo delle citt e delle regioni nella lotta al cambiamento climatico e la possibilit, per gli enti

locali e regionali, di svolgere un ruolo pi importante nella politica europea di vicinato. La dichiarazione finale sottolinea invece limportanza di combattere il protezionismo nazionale ed europeo, lopposizione a qualsiasi forma di discriminazione, il riconoscimento dellimpegno attivo dei poteri locali e regionali nelle politiche europee, nonch la responsabilit di incoraggiare i cittadini a votare in occasione delle prossime elezioni del Parlamento europeo, che si terranno nel mese di giugno.

PROTEZIONE DEL MARCHIO DI FABBRICA: NOVITA IN AMBITO EUROPEO

Nei giorni scorsi la Commissione Europea ha deciso di ridurre ulteriormente le tassazioni destinate allAgenzia comunitaria responsabile per i diritti dei marchi di fabbrica (OHIM, Office for the Harmonization in the Internal Market) e di semplificare la procedura di registrazione. Tale misura, che segue una precedente riduzione del 2005, render le procedure sulla protezione del marchio di fabbrica pi economiche e pi semplici da ottenere, con un risparmio annuo di circa 60 milioni di euro. Allo stato attuale le aziende pagano due diverse tasse a riguardo;

con lentrata in vigore di tale provvedimento, prevista per il prossimo 1 maggio 2009, queste saranno rimpiazzate da ununica forma di tassazione, che andr cos a beneficio immediato degli imprenditori. La semplificazione di questi procedimenti finalizzata allincremento della protezione del marchio di fabbrica a livello europeo, per promuovere cos linternazionalizzazione, lindustrializzazione e stimolare lattivit economica. Le PMI sono le principali beneficiarie di questi cambiamenti nellottica del mercato unico europeo.

AIUTACI A MIGLIORARE LA NOSTRA NEWSLETTER

La Redazione di Eurosportello Informa propone un breve questionario di valutazione sul prodotto, al fine di migliorare e adeguare il servizio in base alle esigenze dei lettori. La Redazione invita pertanto i lettori a compilare, e rinviare via fax al numero 041.0999401, il questionario accedendo al link: http://www.eurosportelloveneto.it/documenti/questionario.doc .

HOME

INFORMAZIONI SPECIALIZZATE DALLUE, IN COLLABORAZIONE CON EUROREPORTER

La Redazione di Eurosportello Informa, grazie alla collaborazione con Euroreporter, web site per linformazione europea su misura, offre una rubrica di approfondimenti tematici dall Europa su: evoluzione normativa, giurisprudenza, consultazioni pubbliche, regolamentazione tecnica, progetti tansfrontalieri, conferenze e altri eventi, partenariati e accordi di settore, studi e rapporti di organismi pubblici o privati, posizioni delle associazioni di categoria europee o nazionali, azioni politiche e di lobbying, reazioni comunitarie ad iniziative nazionali o viceversa, progressi tecnologici, tendenze di mercato.Per visualizzare lelenco cliccare il seguente link: http://www.euroreporter.eu/bollettino_quindicinale_word.asp .

HOME

GARE DAPPALTO

Visualizza le GARE D'APPALTO per lavori, servizi e forniture.
Per ricevere le gare selezionate in base al vostro settore dattivit, iscrivetevi al servizio gratuito
EUROAPPALTI .

HOME

RICERCA PARTNER

Ricerca le Idee progettuali di partner stranieri interessati a presentare progetti europei con partner italiani.

HOME

BANDI EUROPEI

Apri lelenco completo dei bandi UE aperti, selezionati dalla Gazzetta ufficiale serie C e dai siti delle diverse Direzioni Generali della Commissione Europea.

HOME

BANDI FONDI STRUTTURALI

Bandi delPOR CRO parte FESR 2007-2013
Asse V "Transnazionalit e interregionalit" - Servizio di riorganizzazione dei processi lavorativi e ottimizzazione risorse della Procura della Repubblica c/o Tribunale di Venezia
Azione 1.2.2 "Partecipazioni minoritarie e temporanee al capitale di rischio diimprese innovative"
GUIDA AI FINANZIAMENTI DELL'UNIONE EUROPEA
Si informa che sul sito di Eurosportello del Veneto disponibile la Guida ai finanziamenti dell'Unione Europea 2009.
Per scaricarla:
http://www.eurosportelloveneto.it/pubblicazioni/GUIDA2009.pdf

HOME

EURO COOPERAZIONI

Visualizza lelenco delle aziende straniere che cercano cooperazioni internazionali

HOME

SPORTELLO EUROPA ROMANIA

Lo Sportello Europa Romania nasce nel gennaio 2008 per dare supporto alle PMI italiane nella ricerca di informazioni sui fondi strutturali erogati dalle autorit romene nel periodo 2007-2013. E il risultato di un accordo tra alcune istituzioni italiane che da tempo operano in Romania per sostenere limprenditoria italiana nei suoi processi di internazionalizzazione, e che vantano notevole esperienza nella gestione di programmi comunitari.
Lo Sportello, istituito presso la Camera di Commercio italiana per la Romania , fornisce informazioni a tutti gli imprenditori italiani desiderosi di saperne di pi sui fondi strutturali e sulle opportunit di finanziamento che questi offrono.



Sportello Europa Romania


c/o Camera di Commercio italiana per la Romania


Tel: +40 (0)21 310.23.15/16/17
Fax: +40 (0)21 310.23.18


E-mail: sportelloeuropa@cameradicommercio.ro


Str. Franceza 13 2 piano


030102 Bucarest Romania
Referente: Matteo Peri

NEWS FONDI STRUTTURALI

Programma Operativo Crescita della Competitivit Economica (POS CCE)

Programma Nazionale di Sviluppo Rurale

In arrivo un nuovo bando per le PMI

LOrganismo Intermediario per le PMI (Ministero per le PMI e il Commercio), responsabile per limplementazione dellAsse 1 del POS CCE ha pubblicato le guide del sollecitante (in versione provvisoria) per le due misure di finanziamento relative al Settore di Intervento 1.1, Operazione a) Supporto per il consolidamento e la modernizzazione del settore produttivo tramite investimenti tangibili e intangibili:

- Contributo a fondo perduto sino a 1.075.000 RON;

- Contributo a fondo perduto compreso tra 1.075.001 - 6.450.000.

La pubblicazione delle guide in formato provvisorio ha lo scopo di raccogliere suggerimenti da parte dei potenziali beneficiari.
Il lancio dei bandi (con pubblicazione delle guide finali) previsto per i primi di maggio.

Ilie Sarbu: le sovvenzioni allettaro cresceranno con 35 euro

Le sovvenzioni per ettaro erogate dallUE dovrebbe subire un sensibile incremento passando da 107 . a 142 , a seguito di una promessa verbale da parte della CE ha dichiarato il Ministro per lAgricoltura Ilie Sarbu.
I rappresentanti romeni avevano inizialmente chiesto un maggiore incremento (44 euro), ma stato successivamente deciso di richiedere una maggiorazione di soli 35 euro.


Il Ministro ha inoltre spiegato che gi stato ottenuto un accordo verbale con Bruxelles ma manca la comunicazione scritta di approvazione a seguito della quale sar possibile effettuare i pagamenti.


Di tale incremento dovrebbero beneficiare circa 1.250.000-1.300.000 agricoltori.

Varie

435 euro il valore medio del salario lordo a febbraio

Fonte: ICE Bucarest



Nel mese di febbraio 2009, il valore medio del salario lordo mensile si attestato su 1863 Lei (435 ), con una crescita dell1,3% rispetto al mese precedente.
Al netto delle detrazioni, si tratta di un valore medio di 1358 Lei (317 Euro), con una crescita pari allo 0,2%. I salari pi alti (3313 Lei; 774 Euro) sono quelli dei lavoratori del trasporto aereo, mentre i pi bassi (728 Lei = 170 Euro) sono quelli dei lavoratori del comparto alberghiero e della ristorazione.

Esplode il mercato delle auto di seconda mano - Calano del 60% le vendite di auto nuove

Fonte: ICE Bucarest



Oltre 52.000 automobili di seconda mano sono state immatricolate nel solo mese di marzo sul mercato interno: il triplo rispetto allo stesso periodo del 2008.
Il mercato delle nuove autovetture non ha superato le 35.000 immatricolazioni nel primo trimestre di questanno, con un calo complessivo del 60% rispetto allo stesso periodo del 2008. Stando alle statistiche della Direzione per le patenti e le immatricolazioni auto, se si considera lintero primo trimestre di questo anno, le immatricolazioni di auto di seconda mano sono salite dell80% arrivando a toccare le 76.788 unit. Le marche che fanno registrare il maggior numero di importazioni sono quelle tedesche del segmento superiore. Il rapporto di 7 autovetture usate per ogni autovettura nuova comincia a preoccupare le case automobilistiche, in particolare quelle che hanno fatto registrare un rapporto vecchio/nuovo ancora pi alto: nel marzo 2009 il gruppo Volkswagen ha venduto solo 976 nuove auto, a fronte di una vendita di oltre 15.000 auto usate doccasione. Stessa situazione per la Opel , con una vendita di 362 auto nuove a fronte di 11.100 usate. E lelenco comprende anche marchi come BMW, Audi e Ford. Dal 20 marzo ha avuto inizio il programma di incentivi al rinnovamento del parco auto Rabla, grazie al quale si stima che nel secondo trimestre le vendite di nuove autovetture dovrebbero di nuovo aumentare, fino a raddoppiare rispetto al precedente trimestre.

La Strada del Vino di Buzau sar modernizzata con i fondi comunitari

Il finanziamento del progetto Strada del Vino, del valore di 97 milioni di RON, stato siglato il 15 aprile u.s. dal Segretario di Stato del Ministero per lo Sviluppo Regionale e dal Presidente del Consiglio Provinciale di Buzau.
Il nome integrale del progetto, allinterno del quale si colloca anche la valorizzazione della Strada del Vino, in realt Modernizzazione dellinfrastruttura di accesso alle zone turistiche con provato potenziale della provincia di Buzau e prevede la riabilitazione di 58 km di infrastruttura stradale nelle zone Pietroasele Merei Monteoru Vernesti Hales Manastirea Ciolanu Ciuta, di cui beneficeranno 29.000 residenti e circa 900.000 turisti che transitano annualmente nella regione.
Del valore totale del progetto, circa 76 milioni di RON provengono dai fondi comunitari e 5,1 milioni di RON rappresentano il contributo apportato dal Consiglio Provinciale di Buzau che in questo modo potr ristrutturare anche 16 ponti che fanno parte della Strada del Vino.
E questo il primo passo, stando alle dichiarazioni del Presidente del Consiglio Provinciale di Buzau, per garantire lo sviluppo turistico della zona e larrivo di nuovi turisti.

HOME

SPORTELLO BALCANI

NEWS CROAZIA
Prestito della Banca Mondiale per il Progetto FIUME GATEWAY II Negoziati con la UE su energia e trasporti

Il direttore dell'Autorit portuale di Fiume, Bojan Hlaca, ed il responsabile dell'ufficio della Banca Mondiale in Croazia, Andras Horvai, hanno firmato un accordo di prestito di 84 milioni di euro a condizioni favorevoli, pi 4 milioni stanziati direttamente dal Governo, destinati all'avvio della seconda fase del progetto Fiume Gateway. Il progetto prevede la modernizzazione dello scalo portuale con l'ampliamento del terminal di container Brajdica e la costruzione del molo Costa Zagabrese. Andras Horvai ha sottolineato che la Banca Mondiale appoggia i programmi di sviluppo del porto e di miglioramento dei suoi servizi, oltre all'inclusione di Fiume nelle pi importanti direttrici di traffico internazionale, e che si aspetta che entro il 2014 Fiume diventi uno degli scali container di riferimento in questarea europea.

Nellambito dei negoziati di adesione UE-Croazia, il Coreper - Comitato dei rappresentanti permanenti - ha adottato le proprie posizioni negoziali comuni relativamente a due dei capitoli negoziali dellacquis communautaire, ovvero il capitolo dellenergia e dei trasporti. La Croazia ha richiesto del tempo per adeguarsi alla normativa europea nei settori dei trasporti marittimi e ferroviari.
Per quanto concerne i trasporti marittimi, la Croazia ha richiesto un periodo transitorio fino al 2016 per i servizi di linea e fino al 2014 per i collegamenti non di linea. Per quanto riguarda il trasporto ferroviario Zagabria ha richiesto un rinvio della piena liberalizzazione dopo il 2012. Sino ad allora laccesso alla rete nazionale nel settore merci sarebbe limitato, pur con una progressiva apertura ai servizi delle imprese ferroviarie europee. LUE ha richiesto inoltre un periodo transitorio per quanto concerne il cabotaggio stradale.

NEWS SERBIA

Belgrado - Il vicepresidente della Repubblica di Serbia per le integrazioni europee, Bozidar Djelic, ha incontrato lo scorso 22 aprile la delegazione delle Direzioni generali dellUE per lallargamento e per leconomia e le finanze. Argomento dellincontro stato il sussidio finanziario di circa 100 milioni di euro erogato dallUnione Europea per il 2009 e il 2010. Si sono inoltre tenuti i negoziati con i rappresentanti della Commissione europea relativamente allappoggio al bilancio della Serbia in due fasi, la prima delle quali sar realizzata allinizio del terzo trimestre di questo anno e la seconda nel primo trimestre del prossimo anno. La Serbia , per godere di questi aiuti, dovr continuare lapplicazione del programma con il FMI e proseguire le riforme interne conformemente alle integrazioni europee.
La condizione cruciale sar ladozione del Piano nazionale della Serbia per lintegrazione allUE, ladozione delle leggi e limpiego di persone sulle politiche dell integrazioni europee.

Belgrado - Il presidente serbo ha dichiarato che il Fondo monetario internazionale (FMI) ha consegnato una proposta per un accordo di stand-by (accordi con i quali una banca centrale concede un prestito ad unaltra, attraverso lacquisto della moneta di questultima; gli accordi di stand by sono una forma di pagamento internazionale che favorisce le suddette transazioni, concedendo prestiti a paesi in deficit senza creazione di riserve) di due anni, per un importo di 3 miliardi di euro, che copre interamente le misure proposte del governo, delineate nel piano per la stabilit economica dello Stato. Laccordo con il FMI, che dovrebbe essere approvato dal Board del FMI l11 maggio, un importante sostegno alla stabilit macroeconomica del Paese e anche un segnale positivo alle altre istituzioni finanziarie internazionali ed agli investitori per la continuazione degli investimenti in Serbia.

HOME

SPORTELLO VENETO USA

Eurosportello Veneto-Stati Uniti nasce per dare assistenza e supporto informativo alle PMI Venete interessate ad investire e/o ad esplorare ed operare nel mercato americano. Con lobiettivo di promuovere e rafforzare la cooperazione transatlantica, lo sportello fornisce informazioni ed assistenza anche ad imprese americane interessate a diverse forme di cooperazione transatlantica orientandone il focus e gli obiettivi verso il territorio veneto.
Lo Sportello ha base a New York ed il frutto di un accordo di collaborazione con lunico ufficio della rete europea Enterprise Europe Network (EEN) presente negli Stati Uniti. Lo sportello opera coordinandosi con le istituzioni italiane, con la rete delle camere di Commercio Italiane negli Stati Uniti e con istituzioni e soggetti americani attivi nel sostegno dellimprenditoria. La costituzione e il rafforzamento di tale network sono condizione necessaria per stimolare e partecipare attivamente al Programma europeo di cooperazione transatlantica, fornendo in questo modo alle imprese strumenti e opportunit concrete di confronto costruttivo attraverso la presentazione di progetti condivisibili soprattutto nellambito della Ricerca e dellinnovazione.

Eurosportello Veneto - USA
c/o EABO (European American Business Organization
Tel: +1 347 821 2384
Fax: +1 212 972 3026
E-mail: debacco@eurosportelloveneto.it
Referente: Beatrice De Bacco

FOCUS

INTERSCAMBIO COMMERCIALE USA MONDO DATI A CONFRONTO SEGRETI COMMERCIALI, REGOLAMENTAZIONE MADE IN USA

Il confronto con linterscambio commerciale con i principali concorrenti a livello europeo rivela che il totale import Usa dallItalia nei primi sei mesi del 2008 stato pari a 18,524 miliardi di dollari (+11,17%), contro gli oltre 50,622 miliardi di dollari della Germania (+11,28%), i 29,145 miliardi del Regno Unito (+6,83%) e i 22,052 miliardi di dollari della Francia (+10,86%). A livello mondiale, invece, il Canada, con un valore delle esportazioni di 175,112 miliardi di dollari (+11,63%) , stato il maggior partner commerciale degli Stati Uniti nel primo semestre del 2008. Al secondo posto la Cina , che ha esportato merci negli Usa per un valore pari a 154,15 miliardi di dollari, in aumento del 4,15% rispetto allo stesso periodo del 2007. Segue il Messico, le cui esportazioni sono cresciute del 8,64%, a quota 109,68 miliardi di dollari. Tra i Paesi produttori di petrolio, lArabia Saudita mette a segno il record di esportazioni, aumentate del 81,39% rispetto al primo semestre del 2007, a quota 26,827 miliardi di dollari, raggiungendo il settimo posto nella classifica generale. Allottavo posto, in seconda posizione tra i paesi produttori di petrolio, c il Venezuela, che da gennaio a giugno ha esportato negli Usa beni per 25,7 miliardi di dollari, in aumento del 50,46 per cento. Forte anche lespansione delle importazioni dalla Nigeria, altro paese produttore di petrolio, aumentate del 52,4%, quota 21,241 miliardi. Da segnalare infine il buon andamento delle esportazioni della Russia, in rialzo del 48,5%, a quota 13,331 miliardi di dollari.
Lanalisi delle principali categorie merceologiche dellexport italiano negli Stati Uniti rivela che, nei primi sei mesi del 2008, i flussi si sono concentrati, in ordine dimportanza, nei comparti di meccanica (21,11%), moda (16,22%), petrolchimica (16,14%), agroalimentare e vino (9,09%) e arredamento (6,04
%).
La meccanica ancora la principale voce dellexport italiano negli Stati Uniti, nei primi sei mesi di questanno, con 3,9 miliardi di dollari (+ 11,43% rispetto allo stesso periodo dellanno scorso). La moda riconferma al secondo posto con esportazioni per 3,004 miliardi di dollari. Il settore per ha realizzato una performance peggiore (-1,47%) rispetto al 2007. In particolare sono andate male le vendite di gioielli e oreficeria (-12,95%). Bene invece labbigliamento (2,71%) e le calzature (-0,79%). Al terzo posto il reparto petrolchimico, con esportazioni per 2,989 miliardi di dollari, in aumento del 57,04% rispetto allanno scorso. Nel dettaglio. stata davvero ottima la performance del settore degli oli di petrolio e minerali bituminosi, che registra unimpennata delle esportazioni del 75,78%, a quota 1,186 miliardi di dollari. Buono anche landamento del comparto della chimica organica (+13,47% rispetto allo stesso periodo del 2007). Nei primi sei mesi del 2008, il settore agroalimentare cresciuto del 14,02%, raggiungendo un volume pari a 1,684 miliardi di dollari. Nel comparto si distinguono in positivo le esportazioni di vino, aumentate dell8,17%, a 639,7 milioni di dollari. In flessione, invece, larredamento made in Italy, le cui entrate negli Usa sono calate dell8,87% nei primi sei mesi del 2008, fermandosi a 1,1119 miliardi di dollari.

Negli Stati Uniti la normative sulla tutela dei segreti commerciali, non regolata da uno statuto federale, fissata dall'Uniform Trade Secrets Act, applicato in 44 dei cinquanta Stati dell'Unione, tra i quali non compare quello di New York, dove invece applicata una common law in materia. Per "trade secret" si intende qualsiasi informazione commerciale o tecnologica che pu essere utilizzata nel corso di operazioni aziendali e che giudicata sensibile, ovvero riservata e in grado di dare un vantaggio economico ai concorrenti. Contrariamente ad altre forme di tutela della propriet intellettuale, la protezione del segreto commercial dura fino al momento in cui le informazioni sono rese note attraverso canali legali. In linea generale, negli Stati Uniti la regolamentazione sul segreto commerciale fa in modo che, qualora qualcuno venga illegalmente in possesso di informazioni, non possa farne uso per trarne vantaggio.
Ad agevolare il processo il fatto che non occorre seguire procedure particolari per avere il diritto alla tutela, fatto che rappresenta anche un risparmio economico. Inoltre, i "trade secret" non devono essere registrati, quindi l'informazione in questione per essere tutelata deve avere almeno un "tratto" tipico del segreto commerciale: non deve essere diffusamente nota fuori dalla societ, deve essere poco diffusa anche all'interno dell'azienda stessa, infatti, devono essere state messe a punto misure per tutelarne la segretezza e non deve essere facile da reperire o duplicare per soggetti terzi.
Tuttavia, non tutte le informazioni aziendali sono considerate trade secret, la discriminante appunto la loro rilevanza per i concorrenti, oltre che la quantit di tempo e denaro spese per mettere a punto l'informazione. Sono segreti commerciali le formule di prodotti chimici, medicinali o la composizione di alcuni alimenti, - si pensi per esempio alla formula della Coca Cola, - i processi industriali e le informazioni tecniche su alcune particolari procedure, le notizie su prodotti brevettati o da brevettare, ma anche I progetti esecutivi, i software dei computer e le informazioni relative all'identit di clienti e sui prezzi. Al di l della tutela legislativa per I segreti commerciali, spetta comunque alle singole aziende fare in modo che le informazioni sensibili siano opportunamente custodite, per esempio limitandone l'accesso da parte dei dipendenti stessi o tenendo sotto chiave formule e campionari. Le societ possono inoltre fare ricorso a clausole inserite nei contratti dei propri dipendenti, in modo da vincolarli alla segretezza delle informazioni di cui vengono in possesso. Quando tutto questo non sufficiente e la violazione si verifica, si pu procedere per vie legali, con procedure pi o meno urgenti. Per la legge federale americana il furto di un trade secret un crimine e sono previste sanzioni fino a 500.000 dollari per gli individui e fino a un milione di dollari per le aziende, con reclusione non superior a 15 anni.
Fonte: ICE New York

HOME

SPORTELLO APRE

ECO-INNOVATION: IL BUSINESS EUROPEO RISPETTA LAMBIENTE!

Liniziativa della Commissione europea intitolata Eco-innovation, offre la possibilit alle imprese europee, che intendono competere nel mercato dei prodotti eco-compatibili, di promuovere la propria attivit basata sullutilizzo di energie rinnovabili e di nuove tecniche rispettose dellambiente.
Attualmente il mercato mondiale di prodotti e servizi eco-compatibili ed eco-sostenibili in forte crescita. Secondo lOrganizzazione per lo Sviluppo e la Cooperazione Economica (OECD), le industrie europee attive in questarea rappresentano oggi circa il 2,5 % del prodotto interno lordo dellunione europea a 25.
Con il programma Eco-innovation, lUnione Europea, tramite lAgenzia Europea per la Competitivit e lInnovazione, mediante un approccio inter-settoriale, intende incoraggiare lo sviluppo da parte delle industrie europee di progetti finalizzati a immettere nel mercato prodotti e serviziecologicamente compatibili, in particolar modo nelle seguenti aree:

  1. riciclaggio dei rifiuti e riutilizzazione delle risorse naturali;

  2. edilizia sostenibile a basso consumo energetico;

  3. packaging di prodotti alimentari;

  4. produzione e consumo industriale di prodotti eco-sostenibili.

Eco-innovation, si pone quindi lobiettivo di incrementare il business delle imprese grazie a strategie basate su tecnologiche eco-compatibili, in linea con le politiche ambientali e tecnologiche promosse allinterno del Programma per la Competitivit e lInnovazione.
Per la programmazione 2007-13 sono stati stanziati allincirca 200 milioni di euro, e solamente nel corso del primo anno sono stati presentati pi di 130 progetti, di cui circa 40 sono stati approvati.
Il bando, che stato aperto nel mese di febbraio 2009 e che si chiuder il 10 settembre 2009, focalizzato sulle piccole e medie imprese europee, che siano in grado di competere attivamente ed efficientemente nel mercato odierno nel rispetto dellambiente e dello sviluppo sostenibile.
Per maggiori informazioni su Eco-innovation e termini del bando aperto, si prega di consultare il sito:
http://ec.europa.eu/environment/eco-innovation/index_en.htm.

INTELLIGENT ENERGY 2009

La Commissione Europea e lEACI (Agenzia Esecutiva per la Competitivit e lInnovazione) hanno pubblicato un invito a presentare proposte nell'ambito del programma Intelligent Energy Europe per iniziative nel settore dellenergia. Lobiettivo generale perseguito dal programma quello di contribuire ad assicurare ai paesi dell Unione Europea rifornimenti energetici sicuri ed economicamente competitivi attraverso il sostegno ad azioni che incoraggino lefficienza energetica e lutilizzo razionale delle risorse energetiche, promuovano le fonti energetiche nuove e rinnovabili e sostengano la diversificazione energetica, caldeggino lefficienza energetica e lutilizzo delle fonti di energia nuove e rinnovabili nei trasporti. I progetti che possono essere finanziati nellambito di questo bando possono riguardare la promozione dello sviluppo sostenibile, della sicurezza dell'approvvigionamento energetico, della competitivit e della tutela dell'ambiente, la

promozione di sistemi e attrezzature nel settore dell'energia sostenibile per accelerarne la penetrazione sul mercato e stimolare gli investimenti che possono facilitare la transizione dalle fasi dimostrative alla commercializzazione vera e propria di tecnologie pi efficaci, lo sviluppo delle strutture di informazione, educazione e formazione; lutilizzazione dei risultati, promozione e diffusione del know-how e delle migliori pratiche, il monitoraggio dell'attuazione e dell'impatto delle iniziative comunitarie, e delle azioni di sostegno, la valutazione dell'impatto delle azioni e dei progetti finanziati nell'ambito del programma oltre che iniziative integrate, vale a dire azioni in grado di integrare lefficienza energetica e le fonti di energia rinnovabili in particolari settori delleconomia e/o combinare vari strumenti o attori allinterno della stessa azione o progetto. Il termine ultimo per la presentazione delle domande fissato per il 25 giugno 2009.


EIT: INVITO A PRESENTARE PROPOSTE PER LA FORMAZIONE DI COMUNITA
DELLA CONOSCENZA E DELLINNOVAZIONE

Lo scorso 2 aprile, sulla GUUE stato pubblicato linvito a presentare proposte allIstituto europeo di Innovazione e Eecnologia (EIT), per la formazione di comunit della conoscenza e dellinnovazione per lanno in corso. I settori di intervento riguardano lattenuazione e ladattamento ai cambiamenti climatici, lenergia rinnovabile e la societ dellinformazione e della comunicazione del futuro.
Le possibili attivit di una tale comunit sono: affrontare le sfide a lungo termine relative ai settori prioritari dellEIT, individuare ed affrontare le nuove opportunit per linnovazione in Europa , stimolare linnovazione nelle PMI e linternazionalizzazione delle stesse ed istituire nuovi sistemi di innovazione orientata alleducazione. La presentazione di proposte sar possibile dal 5 maggio 2009 al 29 agosto 2009. Per ulteriori informazioni consultare il sito: http://eit.europa.eu/



PROGETTO CHANGE: IL SISTEMA CAMERALE AL SERVIZIO DELLE PMI IN MATERIA DI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO NUOVA AREA INFORMATIVA SUL SITO WWW.EUROSPORTELLOVENETO.IT

Energia e imprese

La questione energetica ha assunto negli ultimi anni un peso rilevante sia in considerazione delle oscillazioni dei prezzi del petrolio (e quindi delle ripercussioni sulla bolletta energetica del sistema Paese e sulla competitivit delle imprese), sia in considerazione degli impegni presi in sede internazionale per la riduzione delle emissioni climalteranti. In particolare, i paesi avanzati si sono impegnati a ridurre i consumi di energia (efficienza energetica) ed a introdurre progressivamente fonti energetiche rinnovabili (solare, eolico, biomassa).
A tal proposito sono state definite, a livello comunitario e nazionale, politiche e misure di intervento che movimentano considerevoli quantit di risorse economiche, che si stimano in crescita per i prossimi anni.

Con lintento di sensibilizzare e informare le piccole e medie imprese sulle opportunit economiche derivanti dalle politiche energetiche e dagli incentivi in vigore, nonch sulle principali tecnologie per lefficienza energetica e per la produzione di energia da fonti rinnovabili stata allestita - sul sito www.eurosportelloveneto.it - unarea informativa specifica, realizzata nellambito del progetto CHANGE finanziato dal programma comunitario Intelligent Energy Europe.
Tale area mira anche ad informare e sensibilizzare gli operatori e le imprese che possono proporsi per la realizzazione degli interventi energetici, agevolati e non, e che operano nei settori collegati e riconducibili allefficienza energetica e alle fonti rinnovabili.

Le misure d'intervento
La domanda di energia in costante crescita ed soddisfatta prevalentemente da risorse energetiche primarie non rinnovabili e di origine fossile, responsabili delle emissioni in atmosfera di gas climalteranti, il che ha accresciuto di molto lattenzione ai problemi energetici ed ambientali. Negli anni andata maturando la convinzione che, oltre alla promozione della produzione decentralizzata di energia da fonti rinnovabili, sia strategico intervenire anche sui livelli e sulle modalit di consumo delle risorse energetiche per poter garantire un equilibrato e duraturo sviluppo e mitigare i processi di cambiamento climatico oramai in atto. In particolare, ne convinta l Unione Europea che gi nella primavera del 2007 (Decisione del Consiglio Europeo dell 8-9 marzo 2007) ha fissato gli obiettivi in tema di energia ed ambiente da perseguire entro il 2020, obiettivi che entro la fine del 2009 saranno resi operativi dalladozione da parte del Parlamento europeo delle relative direttive, che dovranno poi essere recepite dagli Stati membri.
Gli orientamenti comunitari, a cui anche il nostro Paese fa riferimento nel definire le politiche energetiche e selezionare le misure per le imprese, possono essere sintetizzati nella seguente strategia:

  • migliorare lefficienza degli usi finali dellenergia;

  • promuovere la produzione di energia da fonti rinnovabili.

I documenti scaricabili dalla sezione informativa che si trova sul sito di Eurosportello del Veneto cliccando sul logo del progetto CHANGE, hanno un taglio operativo e sono rivolti alle piccole e medie imprese che intendano realizzare interventi di ottimizzazione dei consumi energetici o microimpianti per la generazione di energia da fonti rinnovabili. La finalit supportare le imprese nella comprensione ed attuazione delle nuove politiche sullenergia, illustrando in modo chiaro ed efficace gli incentivi e le agevolazioni disponibili, le possibili aree dintervento e gli adempimenti necessari per usufruirne.


Tecnologie per l'efficienza energetica


I consumi energetici possono essere ridotti realizzando interventi di ottimizzazione energetica delle strutture dove si realizza lattivit dimpresa, oppure del ciclo produttivo. La finalit migliorare, a parit di prodotto ottenuto, lefficienza degli usi finali di energia.

Le schede presenti nell'area informativa di CHANGE hanno un taglio operativo e sono rivolte a illustrare, alle piccole e medie imprese che vogliano realizzare interventi di ottimizzazione dei consumi energetici, le tecnologie a disposizione e la convenienza economica a realizzare linvestimento.


Tecnologie per le fonti energetiche rinnovabili
In questaltra sezione presente nellarea informativa di CHANGE sono ospitati approfondimenti sulle fonti energetiche rinnovabili che presentano le maggiori potenzialit di sviluppo in Italia e per le quali vi sono a disposizione tecnologie competitive.

Le schede hanno un taglio operativo e sono rivolte ad illustrare, alle piccole e medie imprese che vogliano realizzare impianti per la produzione di energia da fonti energetiche rinnovabili, le tecnologie a disposizione, il dimensionamento tecnico ed economico e la convenienza economica a realizzare linvestimento.

HOME

CONTATTI

Per non ricevere la newsletter ciccare QUI
Eurosportello informa - Anno XIII N 8 2009
Pubblicazione quindicinale di Eurosportello del Veneto
Via delle Industrie 19/d 30175 Venezia-Marghera Tel.041/0999411 Fax. 041/0999401
http://www.eurosportelloveneto.it E-mail: europa@eurosportelloveneto.it


Autorizzazione del Tribunale di Venezia n. 1376 del 15/12/00

Direttore Responsabile: Gian Angelo Bellati
Comitato di redazione: Roberta Lazzari, Francesco Pareti

Hanno collaborato: Roberto Bassetto , Beatrice De Bacco, Chiara Bianchini, Sara Codognotto, Valentina Colleselli , Rossana Colombo , Erica Holland , Laura Manente , Filippo Mazzariol , Matteo Peri, Dubravka Skopac, Alessandra Vianello , Alessandro Vianello, Francesco Voltan

HOME