<
n° 10
30/5/2009
Numero 9
Numero 10

30 Maggio 2009

GDYNIA 16-17 Giugno 2009 : 2 MEETING DEL CONSORZIO SoNorA

SOMMARIO:
Iniziative prossima attuazione
Normativa Comunitaria
Approfondimenti
Gare d'appalto
Ricerca Partner
Bandi Europei
Bandi Fondi Strutturali
Euro Cooperazioni
Sportello Europa Romania
Sportello Balcani
Sportello Veneto USA
Sportello APRE
Informazioni specializzate dall'UE, in collaborazione con Euroreporter
Contatti

Il 16 e 17 giugno si terr a Gdynia (Polonia) il 2 meeting del progetto SoNorA. In tale occasione si discuter degli sviluppi del progetto e si presenteranno i progressi ottenuti allinterno dei vari Work Packages; avr luogo inoltre un incontro per far confrontare tra loro alcuni esperti delle universit (University Think Tank) e un primo workshop dedicato al coinvolgimento degli operatori di mercato (prevalentemente aziende dei trasporti e della logistica).
Questo incontro vedr la partecipazione, oltre che dei vari partner, anche di altri stakeholders provenienti dai paesi che partecipano al progetto: Italia, Slovenia, Austria, Germania, Repubblica Ceca e Polonia; obiettivo del progetto SoNorA appunto quello di rafforzare la cooperazione tra le diverse realt istituzionali dell Europa Centrale, per giungere cos alla realizzazione di nuove infrastrutture e servizi per il trasporto intermodale tra il Mar Adriatico al Mar Baltico.
In occasione del workshop a Gdynia dedicato al coinvolgimento degli operatori di mercato saranno presentati al pubblico per la prima volta circa 20 business case riferiti al corridoio Baltico-Adriatico, che puntano a sviluppare porti e servizi logistici in maniera pi efficiente, attuare studi di pre-investimento per infrastrutture inerenti alla logistica ed allestire nuovi servizi ferroviari lungo lasse Sud-Nord.
Il workshop dar inoltre lopportunit ai soggetti interessati di prendere diretto contatto con i partner del progetto che stanno portando avanti i business case in corso.

HOME

INIZIATIVE DI PROSSIMA ATTUAZIONE

CORSO DI EUROFORMAZIONE - Marghera-Venezia, 8/4/2009-3/7/2009

Eurosportello Unioncamere del Veneto, con il co-finanziamento della Regione Veneto, organizza il Corso di Euroformazione 2009, che si terr, con cadenza settimanale, a partire da mercoled 8 aprile 2009 fino al 3 luglio 2009.
Il Corso, completamente gratuito ed aperto a tutti, sar articolato in 25 sessioni, frequentabili singolarmente, dedicate ai pi rilevanti temi del diritto e della politica europea (programma allegato). La frequenza, inoltre, sar valida ai fini della pratica professionale di Avvocato e Consulente del Lavoro.


Per iscriversi basta inviare via fax o tramite e-mail la scheda di adesione, almeno una settimana prima della data di realizzazione del modulo cui si interessati a partecipare.


http://www.eurosportelloveneto.it/corsoProgettazione.asp?mnuSel=11

LINK AD ALTRE INIZIATIVE:
APPELLO ALLA MANIFESTAZIONE DINTERESSE - FORNITURA DI SERVIZI SPECIALISTICI E DI CONSULENZA PER UNIONCAMERE DEL VENETO - EUROSPORTELLO DEL VENETO
SETTORE HO.RE.CA. (HOTEL, RESTAURANT AND CATERING) - CAMERA DI COMMERCIO ITALIANA IN BULGARIA E NATIONAL ASSOCIATION HOTEL, RESTAURANT, CAFETERIA - PROGRAMMA EVENTI E FIERE 2009

B2B MEETING: ISRAELE, NOVEMBRE 2009 - SETTORE ACQUA (DESALINIZZAZIONE, TRATTAMENTO E RICICLAGGIO, EFFICIENZA ED OTTIMIZZAZIONE, IRRIGAZIONE

SETTIMANA DEL MADE IN ITALY IN TUNISIA - TUNISI, 6-13 DICEMBRE 2009

SIAMAP 2009 - Tunisi, 18-22 novembre 2009

Dal 18 al 22 novembre p.v. a Tunisi, presso il Palazzo delle Esposizioni, si terr il SIAMAP 2009 , esposizione internazionale biennale di agricoltura, meccanizzazione agricola e pesca che offre ai professionisti del settore la possibilit di promuovere la propria impresa a livello internazionale e scambiare esperienze e conoscenze. Le categorie espositive presenti saranno Attrezzature e prodotti agricoli (apparecchiature agricole e

per lirrigazione, semi e piante, allevamento, veterinaria,floricultura, etc.) e Attrezzature e prodotti per la pesca (cantieri navali, apparecchiature di pesca, acquicoltura, dispositivi di navigazione, etc.) . La fiera, giunta alla 10 edizione, prevede svariate attivit complementari allesposizione, quali conferenze scientifiche ed iniziative culturali. Per ulteriori informazioni e registrazioni: www.siamap.com/ang/index.html

HOME

NORMATIVA COMUNITARIA

POLITICA DEI TRASPORTI

RELAZIONE della Commissione sull'analisi delle sanzioni previste dalla legislazione degli Stati membri per le infrazioni gravi delle norme in materia sociale nel trasporto stradale
COM(2009) 225 definitivo

POLITICA

DEL LAVORO-OCCUPAZIONE

DIRETTIVA 2009/13/CE del Consiglio del 16 febbraio 2009 recante attuazione dellaccordo
concluso dallAssociazione armatori della Comunit europea (ECSA) e dalla Federazione europea
dei lavoratori dei trasporti (ETF) sulla convenzione sul lavoro marittimo del 2006 e modifica
della direttiva 1999/63/CE
(GUUE L 124/2009)

TELECOMUNICAZIONI, SOCIETA DELLINFORMAZIONE

RACCOMANDAZIONE della Commissione del 7 maggio 2009 sulla regolamentazione delle tariffe di terminazione su reti fisse e mobili nella UE (2009/396/CE) (GUUE L 124/2009)

POLITICA REGIONALE E COORDINAMENTO DEGLI STRUMENTI STRUTTURALI

REGOLAMENTO (CE) N. 396/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio del 6 maggio 2009 che modifica il regolamento (CE) n. 1081/2006 relativo al Fondo sociale europeo per estendere i tipi di costi ammissibili a un contributo del FSE (GUUE L 126/2009)

REGOLAMENTO (CE) N. 397/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio del 6 maggio 2009 che modifica il regolamento (CE) n. 1080/2006 relativo al Fondo europeo di sviluppo regionale per quanto riguarda lammissibilit degli investimenti a favore dellefficienza energetica e delle energie rinnovabili nelledilizia abitativa (GUUE L 126/2009)

AMBIENTE

REGOLAMENTO (CE) N. 401/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio del 23 aprile 2009 sullAgenzia europea dellambiente e la rete europea dinformazione e di osservazione in materia ambientale (versione codificata) (GUUE L 126/2009)

TUTELA DELLA SALUTE

RELAZIONE della Commissione al Consiglio e al Parlamento europeo - Funzionamento del sistema di allarme rapido e di reazione (EWRS) della rete di sorveglianza epidemiologica e di controllo delle malattie trasmissibili nella Comunit durante il 2006 e il 2007 (decisione 2000/57/CE) (Testo rilevante ai fini del SEE) COM(2009) 228 definitivo

UNIONE DOGANALE E LIBERA CIRCOLAZIONE DELLE MERCI

REGOLAMENTO (CE) N. 414/2009 della Commissione del 30 aprile 2009 recante modifica del regolamento (CEE) n. 2454/93 della Commissione che fissa talune disposizioni dapplicazione del regolamento (CEE) n. 2913/92 del Consiglio che istituisce il codice doganale comunitario (Testo rilevante ai fini del SEE) (GUUE L 125/2009)

HOME

APPROFONDIMENTI

INTESA TRA ITALIA ED AUSTRIA SULLA GALLERIA DEL BRENNERO

Il 18 maggio u.s. i ministri dei trasporti di Italia ed Austria hanno firmato a Roma un protocollo di accordo per la realizzazione della galleria alpina del Brennero, un tunnel ferroviario lungo circa 55 km che collegher Innsbruk (in Austria) e Franzensfeste (in Italia). Lobiettivo del progetto, i cui costi sono stimati intorno agli 8 miliardi di euro e che saranno finanziati in parti uguali dallItalia, dallAustria e dallUnione Europea, quello di far circolare su rotaia i mezzi pesanti che oggi viaggiano tra i due paesi.

Laccordo, siglato dal Commissario europeo ai trasporti, dal ministro tedesco dei trasporti e dai dirigenti delle reti ferroviarie dei tre paesi, prevede inoltre la costituzione di una societ ( la Brenner Corridor Platform BCP) che coordiner i lavori, che dovrebbero iniziare entro il 2014 e terminare entro il 2022. Il coinvolgimento della Germania nel progetto legato al fatto che saranno costruite delle infrastrutture in territorio tedesco per collegare la citt di Monaco di Baviera al tunnel stesso.

NUOVE SCHEDE NAZIONALI SULLA POLITICA DI COESIONE

La Direzione Generale per la politica regionale ha di recente realizzato una serie di schede, una per ciascuno Stato membro, dedicate alla politica di coesione europea. Questi documenti (di cui quello per lItalia disponibile al seguente indirizzo:
http://ec.europa.eu/regional_policy/sources/docgener/informat/country2009/it_it.pdf
) forniscono un quadro globale di alcuni dei successi chiave della politica, riportando esempi di progetti realizzati con questi fondi ed in fase di realizzazione, le principali priorit per gli investimenti previsti nellambito della politica di coesione 2007-2013, informazioni sintetiche sui programmi di cooperazione territoriale in ogni paese, impatti e risultati di queste strategie nonch riferimenti, ove pertinente, al Fondo di solidariet, ad eventuali iniziative speciali come il programma PEACE ed alle regioni ultraperiferiche. Per ulteriori informazioni:
http://ec.europa.eu/regional_policy/sources/docgener/informat/info_it.htm .

AIUTACI A MIGLIORARE LA NOSTRA NEWSLETTER

La Redazione di Eurosportello Informa propone un breve questionario di valutazione sul prodotto, al fine di migliorare e adeguare il servizio in base alle esigenze dei lettori. La Redazione invita pertanto i lettori a compilare, e rinviare via fax al numero 041.0999401, il questionario accedendo al link: http://www.eurosportelloveneto.it/documenti/questionario.doc .

HOME

GARE DAPPALTO

Visualizza le GARE D'APPALTO per lavori, servizi e forniture.
Per ricevere le gare selezionate in base al vostro settore dattivit, iscrivetevi al servizio gratuito
EUROAPPALTI .

HOME

RICERCA PARTNER

Ricerca le Idee progettuali di partner stranieri interessati a presentare progetti europei con partner italiani.

HOME

BANDI EUROPEI

Apri lelenco completo dei bandi UE aperti, selezionati dalla Gazzetta ufficiale serie C e dai siti delle diverse Direzioni Generali della Commissione Europea.

HOME

BANDI FONDI STRUTTURALI

Programma di Sviluppo rurale 2007 - 2013. Apertura dei termini di presentazione delle domande per talune misure dell'asse 1 e dell'asse 2. Condizioni e priorit per l'accesso ai benefici.
Scadenza: 30/06/2009

Per ulteriori informazioni: http://www.regione.veneto.it/Bandi+Avvisi+Concorsi/Bandi/Riconoscimento+organismi+consulenza+2008.htm

GUIDA AI FINANZIAMENTI DELL'UNIONE EUROPEA
Si informa che sul sito di Eurosportello del Veneto disponibile la Guida ai finanziamenti dell'Unione Europea 2009.
Per scaricarla:
http://www.eurosportelloveneto.it/pubblicazioni/GUIDA2009.pdf

HOME

EURO COOPERAZIONI

Visualizza lelenco delle aziende straniere che cercano cooperazioni internazionali

HOME

SPORTELLO EUROPA ROMANIA

Lo Sportello Europa Romania nasce nel gennaio 2008 per dare supporto alle PMI italiane nella ricerca di informazioni sui fondi strutturali erogati dalle autorit romene nel periodo 2007-2013. E il risultato di un accordo tra alcune istituzioni italiane che da tempo operano in Romania per sostenere limprenditoria italiana nei suoi processi di internazionalizzazione, e che vantano notevole esperienza nella gestione di programmi comunitari.
Lo Sportello, istituito presso la Camera di Commercio italiana per la Romania , fornisce informazioni a tutti gli imprenditori italiani desiderosi di saperne di pi sui fondi strutturali e sulle opportunit di finanziamento che questi offrono.
Per ottenere maggiori informazioni sui bandi gi pubblicati, su quelli di prossima attivazione, sulle condizioni di eleggibilit e per ricevere la newsletter periodica sui fondi strutturali Vi preghiamo di contattare il referente dello Sportello Europa Romania.

Sportello Europa Romania
c/o Camera di Commercio italiana per la Romania
Tel: +40 (0)21 310.23.15/16/17 Fax: +40 (0)21 310.23.18
E-mail: sportelloeuropa@cameradicommercio.ro
Str. Franceza 13 2 piano
030102 Bucarest Romania

Referente: Matteo Peri

NEWS FONDI STRUTTURALI

Programma Operativo Crescita della Competitivit Economica (POS CCE)

Programma Nazionale di Sviluppo Rurale

Bandi per gli investimenti nelle PMI Oltre un milione di richieste per le sovvenzioni erogate ad ettaro

Come specificato nel numero precedente, stato pubblicato il bando a favore degli investimenti delle PMI.
Tale bando comprende due operazioni:

1)Contributo a fondo perduto sino a 1.075.000 RON;

2)Contributo a fondo perduto compreso tra 1.075.001 6.450.000 RON.

Per ulteriori e pi specifiche informazioni Vi preghiamo di consultare le schede bando tramite il link sottostante:
Bando investimenti PMI http://www.eicveneto.it/Eiczoom.asp?Id=10201

LAgenzia dei Pagamenti e Interventi per lAgricoltura ha concluso, il 15 maggio 2009, la prima parte della campagna di presentazione delle domande per la concessione delle sovvenzioni per ettaro.
Nellintervallo 2 marzo 15 maggio 2009 sono state presentate 1.086.351 domande, corrispondenti ad una superficie di 9.286.390 ettari (circa 36.000 domande in pi rispetto allanno passato).
Il maggior numero di domande stato registrato nelle provincie di Dolj (58.806), Suceava (54.552) si Olt (49.255).
Gli agricoltori che solleciteranno le sovvenzioni nel periodo 16 maggio 9 giugno 2009 percepiranno una penalit pari all1% per ogni giorno lavorativo di ritardo.
I beneficiari delle sovvenzioni sono le persone fisiche e giuridiche che lavorano il terreno per il quale si richiede gli incentivi.

HOME

SPORTELLO BALCANI

NEWS CROAZIA
Prossima costruzione di un impianto a biomassa a Vukovar Missione di operatori croati a EUROCARNE 2009

E stata annunciata nei giorni scorsi la prossima costruzione di un impianto a biomassa per la produzione di energia a Vukovar. Limpianto previsto avr una capacit totale di 10 MW, sufficiente per la distribuzione energetica a pi di 50000 persone, si estender su una superficie di 50.000 mq e sar il pi grande impianto di questo tipo in Europa. Uno dei consulenti dellazienda Bioenergija d.o.o. (investitore del progetto) ha evidenziato che prevista anche la produzione di 12 MW di energia per il riscaldamento di serre estese su una superficie di 12 ettari . Il valore dellintero investimento ammonta ad una cifra compresa tra 27 a 30 milioni di euro. Si prevede che i lavori di costruzione si concludano entro il 2010.

Nellambito di EUROCARNE 2009 (il XXIV salone internazionale delle tecnologie per la lavorazione, conservazione, refrigerazione e distribuzione delle carni), che si tenuto a Verona dal 21 al 24 maggio u.s., lufficio ICE di Zagabria ha organizzato la presenza di una delegazione croata composta da 4 importanti operatori operanti nel settore lavorazione delle carni.

NEWS SERBIA

Congratulazioni da parte della Serbia sulla cooperazione con EULEX Lotta alla crisi finanziaria in Serbia

Lo scorso 20 aprile, Javier Solana, si incontrato con Vuk Jeremic, ministro degli esteri serbo, per discutere sulla crisi economica globale e sulla specifica situazione della Serbia. E stata concordata la necessit di far fronte alle difficolt attraverso una stretta collaborazione. Sono state prese in considerazione inoltre le relazioni tra la Serbia e lUnione Europea, discutendo in particolare sulle prospettive di adesione del Paese e sulle possibilit di rendere pi rapide le procedure per lottenimento del visto da parte dellintera zona dei Balcani. E stato poi accolto con favore il buon grado di cooperazione tra la Serbia e lUnione europea sul Kosovo, includendo in ci anche EULEX (European Union Rule of Law Mission in Kosovo).

Nei giorni scorsi la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) ha dato il via ad un programma di sostegno alla Serbia per il biennio 2009 -2010, al fine di contrastare la crisi finanziaria che sta colpendo il paese e facilitarne cos il processo di adesione allUnione Europea. Un contributo di 250 milioni di euro, destinato a finanziare gli investimenti delle PMI ed altri progetti prioritari attraverso la Banca nazionale di Serbia, gi stato formalizzato a Belgrado; si tratta della prima di una serie di finanziamenti per un totale di circa 1,4 miliardi di euro, che dovrebbero favorire il risanamento economico ed agevolare lintegrazione del in Europa. La Repubblica di Serbia e la BEI hanno inoltre firmato un nuovo accordo quadro atto a disciplinare lattivit locale della BEI.

NEWS BOSNIA-ERZEGOVINA
Attenzione dei Balcani per la Ricerca e l'Innovazione

Educazione, ricerca ed innovazione sono le chiavi per lo sviluppo dei Balcani quanto hanno concluso i ministri regionali per la scienza e la ricerca al termine di una conferenza, tenutasi a Sarajevo lo scorso 24 aprile, intitolata Sviluppare una strategia di ricerca regionale per i Balcani occidentali. Lincontro ha deciso cos il lancio di una strategia comune di ricerca, sotto gli auspici della Segretariato per la Cooperazione territoriale dellUnione europea e lattuale presidenza ceca. I ministri si aspettano inoltre un aumento del trasferimento tecnologico attraverso le reti di ricercatori e scienziati locali, coinvolgendo tutta la zona meridionale dell Europa , la costituzione di una rete transnazionale di ricerca che supporti gli scienziati, la cooperazione tra la comunit scientifica ed il settore economico, in particolar modo con le piccole e medie imprese e, da ultimo, la creazione di distretti regionali in settori competitivi.

NEWS ALBANIA
Adesione dell'Albania all'UE

Lo scorso 28 aprile il presidente albanese, Sali Berisha, ha presentato ufficialmente la richiesta di adesione del Paese allUnione Europea. Il presidente ceco, Mirek Topolanek, ha manifestato piena approvazione in merito, confermando inoltre il totale supporto della Repubblica Ceca anche dopo la fine del proprio mandato. Il 96% della popolazione albanese, oltre alla componente politica del Paese nella sua interezza, favorevole a questo processo; lAlbania negli ultimi anni, ha compiuto numerosi sforzi per raggiungere i livelli richiesti dallUnione europea.
Michel Leigh, della Direzione Generale per lallargamento, ha dichiarato che la prospettiva europea dei Balcani un elemento essenziale per la stabilit e la prosperit della regione, anche se sono ancora molti i cambiamenti che lAlbania deve attuare prima di soddisfare tutti i criteri richiesti dallUnione europea, nonostante lingresso del Paese nella NATO denoti chiaramente le capacit di soddisfare i requisiti fondamentali necessari alladesione.

HOME

SPORTELLO VENETO USA

Eurosportello Veneto-Stati Uniti nasce per dare assistenza e supporto informativo alle PMI Venete interessate ad investire e/o ad esplorare ed operare nel mercato americano. Con lobiettivo di promuovere e rafforzare la cooperazione transatlantica, lo sportello fornisce informazioni ed assistenza anche ad imprese americane interessate a diverse forme di cooperazione transatlantica orientandone il focus e gli obiettivi verso il territorio veneto.
Lo Sportello ha base a New York ed il frutto di un accordo di collaborazione con lunico ufficio della rete europea Enterprise Europe Network (EEN) presente negli Stati Uniti. Lo sportello opera coordinandosi con le istituzioni italiane, con la rete delle camere di Commercio Italiane negli Stati Uniti e con istituzioni e soggetti americani attivi nel sostegno dellimprenditoria. La costituzione e il rafforzamento di tale network sono condizione necessaria per stimolare e partecipare attivamente al Programma europeo di cooperazione transatlantica, fornendo in questo modo alle imprese strumenti e opportunit concrete di confronto costruttivo attraverso la presentazione di progetti condivisibili soprattutto nellambito della Ricerca e dellinnovazione.

Eurosportello Veneto - USA
c/o EABO (European American Business Organization
Tel: +1 347 821 2384
Fax: +1 212 972 3026
E-mail: debacco@eurosportelloveneto.it
Referente: Beatrice De Bacco

FOCUS

II Parte
I distretti in Connecticut

Il Connecticut rappresenta una delle prime mete per le imprese europee che vogliono entrare ed investire nel mercato americano. Nel 2006, 700 imprese straniere hanno assunto 104.900 lavoratori del Connecticut. I maggiori investimenti stranieri in quellanno sono avvenuti da parte di imprese olandesi, inglesi, tedesche, francesi e svizzere e, fra i maggiori investitori italiani, vanno ricordati la trevigiana Parmasteelisa, Trevisan e Mazzuchelli. Il Dipartimento per lo sviluppo economico e della comunit, Agenzia governativa che promuove lo sviluppo economico dello Stato, ha adottato una strategia per la creazione e lo sviluppo di distretti simile a quella adottata in Veneto. I settori di particolare interesse in Connecticut sono: laerospaziale, quello delle bio-scienze e delle manifatture metalliche, il chimico/plastico e quello del software e dei servizi finanziari ed assicurativi. Liniziativa per lo sviluppo economico basata sul sistema dei distretti costruita attorno allidea che sviluppare le industrie statali possa incrementare la competitivit del business tra queste industrie, incoraggiando cos leconomia locale. Grazie alla combinazione tra la conoscenza del mercato e la competenza nel campo del business con le risorse economiche locali, i talenti presenti nella zona, leducazione e le organizzazioni per lo sviluppo economico, i distretti industriali del Connecticut sono maggiormente preparati a contrastare le difficolt provenienti dal mercato globale. Tra le aziende leader si ricordano United Technologies, Pfizer ed Aetna. Si evidenziano di seguito due distretti di rilievo:

1. il distretto aerospaziale, che dato da una rete di locali compagnie indipendenti che sono riunite sotto il nome di Aerospace Component Manufacturers (ACM), unorganizzazione formata da un gruppo di circa 70 aziende, concentrate nello stato del Connecticut, che producono componenti singoli;

2. il distretto delle bio-scienze, sotto la direzione del Connecticut United For Research Excellence (CURE), che destinato a promuovere i benefici che possono derivare dai metodi della ricerca biomedica. Tale distretto sta dunque favorendo il potenziamento della sensibilit presente per il settore in oggetto. Fondato nel 1990, il CURE costituito da pi di 80 membri, ed include istituti di ricerca e di educazione, ospedali e strutture di cura, societ professionali, agenzie di supporto al business ed associazioni di volontariato. Un ulteriore supporto proviene da agenzie governative, fondazioni private, gruppi e singoli cittadini.

Il Connecticut offre inoltre incentive fiscali e programmi finanziari per facilitare la creazione di nuove industrie:

  • finanza: nel momento in cui le necessit finanziarie propendono allequilibrio negli investimenti, esistono numerosi programmi finanziari
    destinati al supporto del business nelle piccole e medie imprese. I programmi statali includono anche fondi diretti dal dipartimento delleconomia e dello sviluppo economico, dal Connecticut Development Authority e dal Connecticut Innovations.Esiste inoltre una rete locale e regionale di fondi di prestito di rotazione tra stati per prestare assistenza e sostegno al business;


  • tassazione: un credito fiscale per le aziende che assumono almeno dieci nuovi impiegati per un periodo minimo di un anno; il credito fiscale equivale al 60% della tassa sul reddito trattenuta dagli stipendi e si applica per cinque anni consecutivi;

  • il 10% del credito destinato alla crescita di investimenti nel settore meccanico per compagnie con un numero di dipendenti a tempo pieno uguale o inferiore ai 250; 5% del credito per aziende con un numero di dipendenti a tempo pieno compreso tra i 251 e gli 800.

Ulteriori informazioni sono disponibili al sito: www.ct.gov/ecd/

Rif. Beatrice De Bacco (Redatto in collaborazione con Paul Pirotta Business consultant in Connecticut)

EVENTI

In occasione della Festa della Repubblica del 2 giugno il Consolato Generale dItalia a New York questanno ha deciso di presentare e celebrare prodotti, peculiarit ed eccellenze del Veneto e della Puglia. Lappuntamento per la sera del 1 giugno da Cipriani Wall Street dove avr luogo la cena di gala a cui parteciperanno pi di mille invitati rappresentanti del mondo della finanza e delleconomia americana oltre ad imprenditori italoamericani di prima e di seconda generazione. Saranno inoltre presenti i rappresentanti delle istituzioni locali ed italiane a New York. Nei giorni successivi verranno organizzati inoltre incontri culturali tematici organizzati in collaborazione con lIstituto Italiano di Cultura.

RICERCA PARTNER

Imprenditrice italiana che risiede negli Stati Uniti da anni, attiva nel settore abbigliamento per bambini, interessata ad investire in Italia dando lavoro a laboratori/fabbriche per la confezione dei capi. Rif. Beatrice De Bacco

HOME

SPORTELLO APRE

EFFICIENZA ENERGETICA: FESR IN AUMENTO

Il Consiglio europeo amplia il Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) per miglioramenti nellefficienza energetica e utilizzo delle energie rinnovabili negli edifici: finanziamenti per nuove applicazioni e porte aperte a pubblico e privati di tutti gli Stati membri, grazie ad un accordo in prima lettura con il Parlamento europeo.
Il rimborso delle spese FESR, finora basato sul principio del "costo reale, oggi esteso ai costi indiretti dichiarati su base forfettaria - fino al 20% dei costi diretti di unoperazione -, alle spese forfettarie calcolate su standard di tabelle di costo unitario e, infine, agli importi forfettari per coprire tutti o parte dei costi di funzionamento - entro un limite di 50mila euro.
La nuova normativa ammette dunque una spesa fino al 4% della dotazione totale del FESR, cio fino a 8 miliardi. Lorganismo sosteneva gi interventi nel settore abitativo, compresa l'efficienza energetica, ma solo in favore dei dodici Stati membri e solo fino al 2% del totale della dotazione.
Parlando di tempistiche, le norme in materia di accesso alle sovvenzioni si applicano retroattivamente dal 1 agosto 2006,

mentre per i miglioramenti di efficienza energetica e investimenti in energie rinnovabili esse entrano in vigore il ventesimo giorno dalla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell' Unione europea.
Il nuovo regolamento, approvato il 5 maggio scorso, fa parte del Piano di rilancio lanciato dopo la crisi economica con l'obiettivo di aumentare gli investimenti in efficienza energetica. Questo per permetter anche di semplificare gestione, amministrazione e controllo del FESR, facilitando la giustificazione dei costi indiretti (non direttamente connessi al progetto, ma necessari per la sua attuazione, come il telefono o lelettricit) e riducendo il carico di lavoro e il numero di documenti giustificativi richiesti.
Questi movimenti normativi si inseriscono in un accordo del Parlamento europeo che prevede 3,98 miliardi di euro nel 2009 e nel 2010 per progetti di infrastrutture per il gas e l'elettricit (2,365 miliardi), progetti d'energia eolica in mare (565 milioni) e progetti di cattura e stoccaggio del carbonio (1,050 miliardi). Grazie ai 3,98 miliardi di euro destinati dal Parlamento ai progetti energetici, dovrebbe esser possibile raccogliere le sfide attuali e contribuire al rilancio dell'economia ha commentato a c aldo Andris Piebalgs, Commissario europeo per l'energia.

MENO BUROCRAZIA PER IL SOLARE IN VENETO

La Commissione Regionale alle Attivit Produttive ha approvato allunanimit, lo scorso 6 maggio, un progetto di legge che mira a semplificare la burocrazia per famiglie ed enti veneti che volessero passare alle fonti rinnovabili.
In attesa dellapprovazione definitiva da parte dell'assemblea regionale, l'iniziativa semplifica i procedimenti autorizzativi per l'installazione di impianti solari termici e di impianti fotovoltaici ad uso residenziale (con potenza fino a 20 kw), esonerandoli dalla procedura di valutazione di impatto ambientale e abilitando linstallazione degli impianti con una semplice comunicazione preventiva al Comune. Rester invece necessario per gli impianti ad uso terziario o produttivo, o progettati in modo non aderente all'edificio, sottoporre il progetto a

denuncia di inizio attivit (Dia) e attendere l'assenso del comune competente.
Verr inoltre istituito un fondo regionale di rotazione, con una dote finanziaria di 2 milioni di euro, per finanziare con contributi in conto interesse i privati, gli enti pubblici e le Onlus che installeranno impianti fotovoltaici e solari termici dimensionati per il proprio autoconsumo, cio sino a 20 kw di potenza per gli impianti fotovoltaici e sino a 30 metri quadrati di superficie per gli impianti solari.
La decisione della Commissione si inserisce in un periodo legislativo attento ai settori economici emergenti: lo stesso Consiglio Regionale ha approvato il 12 maggio la nascita di sei nuovi distretti produttivi regionali, uno dei quali dedicato proprio allimplementazione delle energie rinnovabili.

LATLANTE EOLICO ITALIANO: LA NUOVA MAPPA DEL VENTO

Il CESI (Centro Elettrotecnico Sperimentale Italiano) ha pubblicato il nuovo Atlante Eolico Italiano interattivo: un supporto on-line nato per fornire gli strumenti di analisi necessari alla ricerca e allinstallazione degli impianti eolici e minieolici.
La mappa del vento, affiancata ai dati sulla producibilit specifica, permette unanalisi dettagliata delle caratteristiche eoliche di un territorio, offrendo la possibilit ad installatori, progettisti ed enti locali di ottimizzare le scelte di collocamento dei nuovi impianti eolici. Un lavoro indispensabile per garantire il massimo rendimento energetico delle strutture.
Rispetto alla precedente edizione, il software elaborato dal CESI offre un alto dettaglio topografico, con la possibilit di focalizzare lattenzione su ogni singolo comune e, per esso, calcolare sia la velocit media

annua del vento, alle diverse quote da terra, che la capacit di generare energia. LAtlante, infatti, dotato anche una mappa della producibilit specifica, nella quale sono indicate il numero di ore annue in cui limpianto lavora alla massima potenza.
Sul territorio italiano, le aree pi vantaggiose sono in Sardegna, nella Sicilia occidentale e sullAppennino pugliese, calabro e campano. Al nord, invece, la velocit del vento non molto alta, tranne in alcune zone di montagna.
Leggere la mappa molto semplice grazie alla legenda cromatica definita a seconda dei valori medi del vento. Nelle aree gialle e arancioni, ad esempio, dove a 25 m s.l.t. la velocit del vento superiore a 5 m/s, le mini turbine eoliche (collocate a breve distanza dal suolo) lavorerebbero a pieno regime.


PROGETTO CHANGE: IL SISTEMA CAMERALE AL SERVIZIO DELLE PMI IN MATERIA DI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO NUOVA AREA INFORMATIVA SUL SITO http://www.eurosportelloveneto.it/

Energia e imprese

La questione energetica ha assunto negli ultimi anni un peso rilevante sia in considerazione delle oscillazioni dei prezzi del petrolio (e quindi delle ripercussioni sulla bolletta energetica del sistema Paese e sulla competitivit delle imprese), sia in considerazione degli impegni presi in sede internazionale per la riduzione delle emissioni climalteranti. In particolare, i paesi avanzati si sono impegnati a ridurre i consumi di energia (efficienza energetica) ed a introdurre progressivamente fonti energetiche rinnovabili (solare, eolico, biomassa).
A tal proposito sono state definite, a livello comunitario e nazionale, politiche e misure di intervento che movimentano considerevoli quantit di risorse economiche, che si stimano in crescita per i prossimi anni.

Con lintento di sensibilizzare e informare le piccole e medie imprese sulle opportunit economiche derivanti dalle politiche energetiche e dagli incentivi in vigore, nonch sulle principali tecnologie per lefficienza energetica e per la produzione di energia da fonti rinnovabili stata allestita - sul sito http://www.eurosportelloveneto.it/ - unarea informativa specifica, realizzata nellambito del progetto CHANGE finanziato dal programma comunitario Intelligent Energy Europe.
Tale settore mira anche ad informare e sensibilizzare gli operatori e le imprese che possono proporsi per la realizzazione degli interventi energetici, agevolati e non, e che operano nei settori collegati e riconducibili allefficienza energetica e alle fonti rinnovabili.

Le misure d'intervento
La richiesta di energia in costante crescita ed soddisfatta prevalentemente da risorse energetiche primarie non rinnovabili e di origine fossile, responsabili delle emissioni in atmosfera di gas climalteranti, il che ha accresciuto di molto lattenzione ai problemi energetici ed ambientali. Negli anni andata maturando la convinzione che, oltre alla promozione della produzione decentralizzata di energia da fonti rinnovabili, sia strategico intervenire anche sui livelli e sulle modalit di consumo delle risorse energetiche per poter garantire un equilibrato e duraturo sviluppo e mitigare i processi di cambiamento climatico oramai in atto. In particolare, ne convinta l Unione Europea che gi nella primavera del 2007 (Decisione del Consiglio Europeo dell 8-9 marzo 2007) ha fissato gli obiettivi in tema di energia ed ambiente da perseguire entro il 2020, obiettivi che entro la fine del 2009 saranno resi operativi dalladozione da parte del Parlamento europeo delle relative direttive, che dovranno poi essere recepite dagli Stati membri.
Gli orientamenti comunitari, a cui anche il nostro Paese fa riferimento nel definire le politiche energetiche e selezionare le misure per le imprese, possono essere sintetizzati nella seguente strategia:

  • migliorare lefficienza degli usi finali dellenergia;

  • promuovere la produzione di energia da fonti rinnovabili.

I documenti scaricabili dalla sezione informativa che si trova sul sito di Eurosportello del Veneto cliccando sul logo del progetto CHANGE, hanno un taglio operativo e sono rivolti alle piccole e medie imprese che intendano realizzare interventi di ottimizzazione dei consumi energetici o microimpianti per la generazione di energia da fonti rinnovabili. La finalit supportare le imprese nella comprensione ed attuazione delle nuove politiche sullenergia, illustrando in modo chiaro ed efficace gli incentivi e le agevolazioni disponibili, le possibili aree dintervento e gli adempimenti necessari per usufruirne.


Tecnologie per l'efficienza energetica


I consumi energetici possono essere ridotti realizzando interventi di ottimizzazione energetica delle strutture dove si realizza lattivit dimpresa, oppure del ciclo produttivo. La finalit migliorare, a parit di prodotto ottenuto, lefficienza degli usi finali di energia.

Le schede presenti nell'area informativa di CHANGE hanno un taglio operativo e sono rivolte a illustrare, alle piccole e medie imprese che vogliano realizzare interventi di ottimizzazione dei consumi energetici, le tecnologie a disposizione e la convenienza economica a realizzare linvestimento.


Tecnologie per le fonti energetiche rinnovabili
In questaltra sezione presente nellarea informativa di CHANGE sono ospitati approfondimenti sulle fonti energetiche rinnovabili che presentano le maggiori potenzialit di sviluppo in Italia e per le quali vi sono a disposizione tecnologie competitive.

Le schede hanno un taglio operativo e sono rivolte ad illustrare, alle piccole e medie imprese che vogliano realizzare impianti per la produzione di energia da fonti energetiche rinnovabili, le tecnologie a disposizione, il dimensionamento tecnico ed economico e la convenienza economica a realizzare linvestimento.

HOME

INFORMAZIONI SPECIALIZZATE DALLUE, IN COLLABORAZIONE CON EUROREPORTER

La Redazione di Eurosportello Informa, grazie alla collaborazione con Euroreporter, web site per linformazione europea su misura, offre una rubrica di approfondimenti tematici dall Europa su: evoluzione normativa, giurisprudenza, consultazioni pubbliche, regolamentazione tecnica, progetti tansfrontalieri, conferenze e altri eventi, partenariati e accordi di settore, studi e rapporti di organismi pubblici o privati, posizioni delle associazioni di categoria europee o nazionali, azioni politiche e di lobbying, reazioni comunitarie ad iniziative nazionali o viceversa, progressi tecnologici, tendenze di mercato.Per visualizzare lelenco cliccare il seguente link:
http://www.euroreporter.eu/bollettino_quindicinale_word.asp
.

HOME

CONTATTI

Per non ricevere la newsletter ciccare QUI
Eurosportello informa - Anno XIII N 10 2009
Pubblicazione quindicinale di Eurosportello del Veneto
Via delle Industrie 19/d 30175 Venezia-Marghera Tel.041/0999411 Fax. 041/0999401
http://www.eurosportelloveneto.it/ E-mail: mailto:europa@eicveneto.it


Autorizzazione del Tribunale di Venezia n. 1376 del 15/12/00

Direttore Responsabile: Gian Angelo Bellati
Comitato di redazione: Roberta Lazzari, Francesco Pareti

Hanno collaborato: Roberto Bassetto, Elisabetta Bianchini, Sara Codognotto, Rossana Colombo , Mattia Esposito, Erica Holland , Laura Manente , Filippo Mazzariol , Matteo Peri, Samuele Saorin, Alessandra Vianello , Alessandro Vianello

HOME