<
n° 4
28/2/2015
EUROSPORTELLO INFORMA

EUROSPORTELLO INFORMA

n4
28 febbraio 2015
SMART SPECIALISATION: STRATEGIA REGIONALE DI RICERCA E INNOVAZIONE E NUOVE TRAIETTORIE DI SVILUPPO PER LE IMPRESE. INVITO ALLA CONFERENZA
La Regione del Veneto ha individuato la versione preliminare della propria Strategia regionale di ricerca e innovazione per la specializzazione intelligente, risultato di un processo di apprendimento collettivo e partecipativo, a cui hanno preso parte istituzioni pubbliche e private, il mondo delle imprese e della ricerca, nonch i rappresentanti della domanda.
Il documento fin qui elaborato non costituisce punto fermo e conclusivo del lavoro intrapreso dalla Regione, ma un punto di partenza per una programmazione pi di dettaglio, un documento aperto ed in continua evoluzione.
Al fine di coinvolgere il territorio nelle scelte operate e dare a tutti gli stakeholder territoriali istituzioni pubbliche e private, imprese, mondo della ricerca e societ civile la possibilit di contribuire attivamente al processo di definizione della strategia regionale di ricerca e innovazione per la specializzazione intelligente, stato predisposto un breve questionario on line, disponibile al seguente link.
Il percorso di confronto e condivisione con tutti gli attori del territorio, verr arricchito inoltre da una serie di incontri, organizzati per ambito provinciale e moderati dallAssessore allEconomia e Sviluppo, Ricerca e Innovazione, Marialuisa Coppola, seguendo il seguente calendario:

luned 02/03/2015 ore 17,30 - Treviso e Belluno
Camera di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura di Treviso
Sala Conferenze
Piazza della Borsa 3, Treviso

mercoled 04/03/2015 ore 17,30 Vicenza
Fiera di Vicenza
Sala 7,1
Via dell'Oreficeria 16, Vicenza

luned 09/03/2015 ore 17,30 Venezia
Unioncamere del Veneto
Sala Europa
Via delle Industrie 19/D, Venezia (c/o Parco Scientifico Tecnologico di Venezia - Vega)

mercoled 11/03/2015 ore 17,30 Padova
Camera di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura di Padova
Centro Conferenze alla Stanga
Piazza Zanellato 21, Padova

luned 16/03/2015 ore 17,30 - Verona
Confindustria Verona
Sala Conferenze
Piazza Cittadella 12, Verona

gioved 19/03/2015 ore 17,30 - Rovigo
Camera di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura di Rovigo
Salone del Grano
Piazza Giuseppe Garibaldi 6, Rovigo

Per liscrizione ai singoli incontri si prega di cliccare sul seguente link.
Maggiori informazioni sulla Smart Specialisation Strategy della Regione del Veneto disponibili alla pagina sito:
http://www.regione.veneto.it/web/attivita-produttive/Smart-Specialisation-Strategy
Contatti:
Regione del Veneto - Sezione Ricerca e Innovazione
Fondamenta S. Lucia, Cannaregio 23
30121 Venezia
Tel: 041/2794268 4273
Fax: 041/2795801
Email: ricercainnovazione@regione.veneto.it

EUROSPORTELLO

Questionario di gradimento dei servizi Unioncamere - Eurosportello del Veneto
Per una valutazione dei servizi offerti nel nostro territorio, vi chiediamo di rispondere a un breve questionario che ci permetter di conoscere meglio lutilizzo dei nostri servizi da parte delle imprese e dei soggetti del territorio e il vostro grado di soddisfazione.
Il questionario anonimo ed possibile accedervi cliccando qui.

Vi ringraziamo anticipatamente per la collaborazione!

iniziative di prossima attuazione
APPELLO ALLA MANIFESTAZIONE D'INTERESSE - FORNITURA DI SERVIZI SPECIALISTICI E DI CONSULENZA PER UNIONCAMERE DEL VENETO - EUROSPORTELLO DEL VENETO

EVENTI E APPROFONDIMENTI
VENETO CHE CRESCE - Incontri tra imprenditori e pubblico in un contesto in continua mutazione
Venerd 6 marzo 2014 - Ateneo Veneto - Aula Magna, ore 18.00
Un affermato capitano dindustria come Luigi Rossi Luciani, Presidente di CAREL Spa e gi Presidente di Confindustria Veneto; lo scienziato ambientale Paolo Franceschetti, amministratore della Solwa Srl, start-up deccellenza nel settore della green economy; il giornalista Roberto Papetti, direttore del quotidiano Il Gazzettino: sono loro i protagonisti del secondo incontro del ciclo Veneto che cresce, ideato da Ateneo Veneto per far conoscere al pubblico chi sono gli imprenditori veneti che risultano
vincenti nonostante la crisi. Ulteriori informazioni.
NETWORKING FOR FUTURE, IL FUTURO DELLA COLLABORAZIONE TRA IMPRESE ITALIANE E AUSTRIACHE PARTE DA QUI
Il progetto europeo Inco-Net, capitanato da Friuli Innovazione, ha chiuso i lavori con un evento che ha messo in rete professionisti da Friuli, Veneto e Carinzia.
Si tenuto gioved 19 febbraio al Parco Scientifico e Tecnologico Luigi Danieli di Udine , levento Networking for future: strumenti di collaborazione per lo sviluppo delle imprese innovative. Un evento con un format fuori dallordinario per spiegare, attraverso una serie di workshop operativi, come migliorare le doti di comunicazione di chi fa impresa.
Lobiettivo dellevento, organizzato da Friuli Innovazione, stato comprendere quali sono gli aspetti della comunicazione dal vivo su cui imprenditori e imprenditrici devono fare leva durante un incontro con potenziali partner o clienti. Una cinquantina di professionisti e imprenditori, provenienti da Friuli, Veneto e Carinzia, ha partecipato alle due sessioni di esercitazioni creative proposte dal mentor olandese Mike Van Der Vijver , che con la sua Mind Meeting gira il mondo per fare formazione su networking e meeting design. Utilizzando la parola chiave divertimento, Van Der Vijver ha fatto interagire i partecipanti, in lingua inglese, secondo schemi innovativi ideati per stimolare le capacit di interazione e comunicazione interpersonale, un aspetto strategico per chi ha unazienda. Il networking un aspetto fondamentale per lo sviluppo di unimpresa - commenta Mike Van Der Vijver al termine dei lavori - anche se difficilmente chi avvia una propria attivit riesce a trovare tempo e risorse per farlo. Gli enti intermediari giocano un ruolo fondamentale in questo senso, offrendo agli imprenditori dei percorsi specifici per aiutarli a mettersi in rete. Un ruolo, questo, che Friuli Innovazione riveste ormai da dieci anni sul territorio friulano, con i suoi servizi di intermediazione e trasferimento tecnologico.
Levento ha chiuso ufficialmente il progetto transfrontaliero Inco-Net, promosso da Friuli Innovazione assieme allAgenzia per lo Sviluppo della Carinzia di Klagenfurt e la Fondazione la Fornace dellInnovazione di Asolo (TV). Co-finanziato dal programma europeo Interreg IV Italia-Austria, il progetto ha proposto sul territorio numerose iniziative studiate per mettere in contatto imprese e start-up innovative, Parchi Scientifici, ricercatori e studenti di Friuli Venezia Giulia, Veneto e Carinzia. Pi di 600 sono stati i partecipanti ai 38 workshop formativi offerti nel quadro del partenariato, portando per la prima volta sul territorio dei format internazionali come Rails Girls Udine, levento per avvicinare le donne al mondo della programmazione web. I temi dell imprenditoria femminile e delle imprese creative sono stati ampiamente sviluppati da Inco-Net, con quasi 60 partecipanti alla rete transfrontaliera Arte&Impresa e 2 tavole rotonde istituzionali, organizzate a Udine e Klagenfurt, per aprire la strada a nuovi progetti che supportino le donne che vogliono fare impresa. Circa 200, inoltre, i professionisti altamente specializzati registrati sulla Rete di imprese online disponibile sul sito del progetto www.inco-net.eu.
Dopo quasi 3 anni di attivit, Inco-Net si chiude aprendo nuove strade per la collaborazione tra i due paesi. E proprio attraverso la rete sviluppata nel quadro del progetto che stato siglato il memorandum per la creazione del primo Ecosistema Startup Transnazionale, firmato a maggio dello scorso anno al Parco Scientifico e Tecnologico Luigi Danieli di Udine, da Friuli Innovazione e altri partner strategici del Land Carinzia e della Slovenia. Lobiettivo di questo accordo quello di permettere alle startup di questarea geografica di avvalersi dei servizi degli incubatori di ciascun Paese e sviluppare business plan con una vocazione internazionale, avendo loccasione di presentarsi a investitori e partner stranieri. Come pi volte emerso durante gli incontri di Inco-Net, larea senza confini tra Italia, Austria e Slovenia costituisce un bacino di risorse e competenze forse unico al mondo, capace di diventare, con le giuste sinergie, un centro di attrazione internazionale per linsediamento di imprese innovative.
Tutte le informazioni sul progetto su www.inco-net.eu o via e-mail scrivendo a info@inco-net.eu.
ENERGIA: INTERCONNESSIONI LA COMMISSIONE PER LA COOPERAZIONE REGIONALE
Bruxelles, 24 febbraio 2015 - La tabella di marcia che la Commissione europea presenter, come parte del suo pacchetto sullunione energetica, definisce tre obbiettivi imperativi per raggiungere un minimo di interconnessione del 10% della capacit in ogni Stato membro entro il 2020.
In primo luogo, la piena attuazione del regolamento sulle reti transeuropee nel settore dell'energia (TEN-E). La Commissione intende intensificare il lavoro dei gruppi regionali istituiti a norma del regolamento - la Northern Seas Offshore Grid, l'interconnessione del mercato energetico del Baltico Piano (BEMIP), interconnessioni nord-sud in Europa occidentale, e le interconnessioni nord-sud nell'Europa centro-orientale e Europa sudorientale - monitorare lo stato di avanzamento di ogni progetto di infrastrutture di interesse comune (PCI) e proporre misure correttive in una fase iniziale, in particolare per gli Stati membri che sono pi lontani dal raggiungere l'obiettivo del 10%. Nel 2014, dodici paesi erano ancora al di sotto dell'obiettivo: Irlanda (9%), l'Italia (7%), Romania (7%), Portogallo (7%), Estonia (4%), in Lettonia (4%), Lituania (4 %), il Regno Unito (6%), Spagna (3%), la Polonia (2%), Malta e Cipro (0%). Francia e Germania sono stati il 10%, la Grecia e la Bulgaria l'11%. La Commissione sta anche cercando di aumentare il suo sostegno a progetti critici, valutare eventuali ostacoli e rischi che potrebbero ritardare la costruzione e adozione di misure, se necessario.
ENERGIA: FRANCIA AUSPICA UN FORTE APPROCCIO EUROPEO PER LE INFRASTRUTTURE
Bruxelles, 24 febbraio 2015 - Alla vigilia della pubblicazione da parte della Commissione del pacchetto di unione di energia, al presidente francese Franois Hollande stata consegnata una relazione preparata dal segretario generale e membro del comitato esecutivo della rete di distribuzione di energia elettrica in Francia, Michel Derdevet, che stabilisce dodici proposte per creare un approccio europeo coerente in materia di reti, incentrata su tre punti principali.
Primo: il rinnovamento del quadro per la sicurezza degli approvvigionamenti e di cooperazione tra gli operatori dei sistemi di trasmissione. La relazione Derdevet prevede quattro proposte: - migliorare il coordinamento in materia di sicurezza degli approvvigionamenti; - Ampliare e rafforzare la cooperazione tra gli operatori dei sistemi di trasmissione, al fine di creare europea; - Favorire la cooperazione transfrontaliera tra i gestori del sistema di distribuzione; - Maglia pionieri di governance energia locali, in altre parole, i territori e le regioni europee gemelle che stanno portando il modo in transizione energetica e cercare di creare un forum territori europei.
Secondo: il miglioramento del coordinamento delle norme di finanza e innovazioni. Tre proposte sono: - favorire il coordinamento delle normative, fornendo agli investitori con visibilit e incentivi; - Istituire un fondo di investimento per le aree attraversate da infrastrutture strategiche; - Reintrodurre una visione a lungo termine dei finanziamenti.
Terzo: la promozione dell'Europa come leader in innovazione energetica. Qui il rapporto Derdevet avanza cinque proposte: - gli sforzi di R & S piscina europea sulle reti intelligenti; - Intensificare gli sforzi sulla normalizzazione europea; - Istituire una piattaforma di dati energetica europea; - Creare corridoi europei mobilit innovative, in altre parole, autostrade verdi progettato in modo che i veicoli elettrici siano previste in termini di punti di ricarica; - Istituire un collegio europeo dell'energia per incoraggiare l'eccellenza europea nel campo dell'innovazione.
Queste proposte potrebbero essere prese dal governo francese nel determinare la sua posizione nel dibattito sull'unione energia al Consiglio Energia del 5 marzo.
DIGITALE: NUOVO INDICE MISURA L'ESPERIENZA DIGITALE DEGLI STATI MEMBRI
Bruxelles, 24 febbraio 2015 - In occasione del forum Digital4EU, la Commissione europea ha pubblicato un indice che valuta il livello digitale" degli stati membri. Vale a dire, la misura in cui le persone possono acquistare on line, pagare le bollette online o utilizzare i servizi pubblici su Internet.
I dati rivelano che l'esperienza digitale varia da uno Stato membro all'altro e che le frontiere in effetti restano un ostacolo all'allargamento di un mercato unico digitale a tutti gli effetti. "I cittadini vogliono accedere ai contenuti on-line, abbiamo bisogno di rendere il tutto pi facile per loro", ha dichiarato il vicepresidente della Commissione responsabile per il mercato unico digitale Andrus Ansip. Il Commissario della Digital Economy, Gnther Oettinger ha dichiarato: "Abbiamo bisogno di adattarsi alle esigenze dei cittadini e dobbiamo pensare ad adeguare la nostra politica".
La Commissione trae le seguenti conclusioni: 1) esperienza digitale dipende dal paese e varia da top player digitali, come la Danimarca (0,68 punteggio prestazioni digitali di 1) a paesi come la Romania (0,31 punteggio prestazioni digitali prestazioni inferiori,. ); 2) la maggioranza degli europei usa internet regolarmente: il 75% nel 2014 (72% nel 2013), che vanno dal 93% in Lussemburgo al 48% in Romania; 3) Gli europei sono desiderosi di accedere a contenuti audiovisivi on-line: il 49% degli europei che vanno in linea hanno giocato o scaricato giochi, immagini, film o musica. 39% delle famiglie che hanno un video orologio TV on demand; 4) le piccole e medie imprese (PMI) devono affrontare barriere con l'e-commerce: solo il 15% delle PMI vendere online - e di quelle 15%, meno della met lo fa attraverso le frontiere; 5) i servizi pubblici digitali sono una realt quotidiana in alcuni paesi, ma quasi inesistente in altri: Danimarca arriva top con il 69% dei suoi utenti Internet che utilizzano moduli online per inviare le informazioni alle autorit pubbliche, rispetto al 6% in Romania.
FINANZA: LA COMMISSIONE ECON SOSTIENE L'APPROCCIO DEL RELATORE GILL PER I FONDI DI MERCATO MONETARIO
Bruxelles, 26/02/2015 (Agence Europe) - La commissione per gli affari economici e monetari del Parlamento europeo (ECON) ha sostenuto l'approccio generale di Neena Gill (S & D, UK) per la proposta di regolamento che mira a portare ad un quadro europeo per i fondi del mercato monetario.
Il relatore si distanziato, dalla proposta della Commissione, che mirava a obbligare costanti fondi Net Asset Value (CNAV), che offrono la remunerazione costante indipendentemente dalle fluttuazioni di mercato, per tenere una riserva di liquidit del 3% del patrimonio complessivo. I deputati non mantengono questa idea, con la relazione che chiede, invece, per onorari di liquidit "e" cancelli di rimborso da applicare nei momenti di stress, secondo le linee della riforma americana.
ENERGIA: TRE STATI MEMBRI E LA DIRETTIVA SULL'EFFICIENZA ENERGETICA
Bruxelles, 26 febbraio 2015 Gioved 26 febbraio la Commissione europea ha inviato pareri motivati a Grecia e Portogallo, chiedendo di fornire la notifica di tutte le misure adottate per recepire la direttiva 2012/27 / UE sull'efficienza energetica.
La direttiva impone agli Stati membri di raggiungere un risparmio energetico tra il 1 gennaio 2014 e il 31 dicembre 2020, utilizzando sistemi di obblighi di efficienza energetica e di altre misure politiche mirate a portare miglioramenti dell'efficienza energetica delle abitazioni, dell'industria e dei trasporti, doveva essere recepita il 05 giugno 2014.
La Commissione ha inoltre inviato un parere motivato alla Slovenia. La Slovenia ha gi incorporato la direttiva nel proprio diritto nazionale, ma la Commissione chiede formalmente di presentare il suo piano nazionale di azione per l'efficienza energetica e la sua strategia a lungo termine per attrarre investimenti in stock nazionale di edifici residenziali e commerciali. Queste avrebbero dovuto essere presentate entro il 30 aprile.
Se la Slovenia non rispetta il suo obbligo legale entro due mesi, la Commissione potrebbe decidere di adire la Corte di giustizia dell'Unione europea.

NORMATIVA COMUNITARIA
POLITICA SOCIALE
RELAZIONE della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio - Quinta relazione sul controllo successivo alla liberalizzazione dei visti per i paesi dei Balcani occidentali in conformit con la dichiarazione della Commissione dell8 novembre 2010 (Testo rilevante ai fini del SEE) COM(2015) 58 final
AGRICOLTURA
PARERE DELLA COMMISSIONE a norma dell'articolo 294, paragrafo 7, lettera c), del trattato sul funzionamento dell'Unione europea sugli emendamenti del Parlamento europeo alla posizione del Consiglio riguardante la proposta di DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO che modifica la direttiva 2001/18/CE per quanto concerne la possibilit per gli Stati membri di limitare o vietare la coltivazione di OGM sul loro territorio 2010/0208 (COD) COM(2015) 83 final
gare d'appalto
Visualizza le GARE D'APPALTO per lavori, servizi e forniture.
Per ricevere le gare selezionate in base al vostro settore dattivit, iscrivetevi al servizio gratuito EUROAPPALTI.
ricerca partner
Ricerca le Idee progettuali di partner stranieri interessati a presentare progetti europei con partner italiani.

bandi europei
Apri lelenco completo dei bandi UE aperti, selezionati dalla Gazzetta ufficiale serie C e dai siti delle diverse Direzioni Generali dell Europea.
bandi e fondi strutturali

Regione Veneto - Finanziamento - Scade il 30/06/2015
Bando a sportello per il finanziamento di iniziative a sostegno del tessuto produttivo dell'area del Polesine

Regione Veneto - Finanziamento - Scade il 30/06/2015
POR FESR 2007-2013 - Azione 2.1.3. - Fondo di rotazione e contributi in conto capitale per investimenti finalizzati al contenimento dei consumi energetici.

L'utilizzo delle risorse POR CRO (2007-2013) parte FESR nella Regione del Veneto
Conferenza stampa dellAssessore Roberto Ciambetti - 30/12/2014

Si informa che disponibile nel sito internet regionale la pagina relativa alla conferenza stampa tenutasi il 30/12/2014, in cui lAssessore Roberto Ciambetti ha illustrato i risultati conseguiti nel 2014 dalla Regione del Veneto nellutilizzo delle risorse del POR CRO FESR 2007-2013.
http://www.regione.veneto.it/web/programmi-comunitari/attivita-informativa-principale-2014

Cooperazione territoriale
Pubblicato il primo Bando del Programma Interreg Central Europe
Pubblicato il primo Bando del Programma Interreg Central Europe: bando organizzato in due fasi: nella prima, che sar aperta dal 12 febbraio al 13 aprile 2015, i candidati dovranno trasmettere attraverso una apposita piattaforma web una scheda progettuale comprendente gli elementi essenziali del progetto. Saranno quindi selezionate le candidature ammesse alla seconda fase del bando, in cui dovranno essere trasmesse le schede progettuali complete in tutti i loro dettagli.
Per ulteriori informazioni: http://www.interreg-central.eu/
Materiale
info day del Programma Interreg Central Europe - Verona, 20.02.2.2015 a
Scarica il materiale dellinfo day del Programma Interreg Central Europe avvenuto il 20.02.2.2015 a Verona.
Pubblicato il primo Bando del Programma Spazio Alpino
Pubblicato il primo Bando del Programma Spazio Alpino: bando organizzato in due fasi: nella prima, che sar aperta dal 25 febbraio al 10 aprile 2015, i candidati dovranno trasmettere attraverso una apposita piattaforma web una scheda progettuale comprendente gli elementi essenziali del progetto. Saranno quindi selezionate le candidature ammesse alla seconda fase del bando, in cui dovranno essere trasmesse le schede progettuali complete in tutti i loro dettagli.
Per ulteriori informazioni: http://www.alpine-space.eu/about-the-programme/asp-2014-2020/1st-call-for-project-proposals/
eurocooperazioni
Visualizza lelenco delle aziende straniere che cercano cooperazioni internazionali.

I NOSTRI SPORTELLI

sportellO BRUXELLES

NOTIZIE DALLA SEDE DI BRUXELLES
La Commissione Europea ha pubblicato il Libro Verde Building a Capital Markets Union, e di conseguenza possibile rispondere alla relativa consultazione pubblica Costruire unUnione dei mercati dei capitali, che rester aperta fino al 13 maggio 2015. La consultazione, rivolta a tutti i cittadini e le organizzazioni europee, dedicata in particolare ad operatori dei mercati dei capitali, Autorit nazionali, Universit e imprese, i quali sono esortati a fornire il loro parere su come migliorare laccesso alle fonti di finanziamento per le start-up, le PMI e gli operatori coinvolti nei progetti di lungo termine, come diversificare maggiormente tali fonti e come migliorare il network tra coloro che erogano i finanziamenti e coloro che li richiedono. Il form per rispondere alla consultazione e il green paper sono disponibili al link http://ec.europa.eu/finance/consultations/2015/capital-markets-union/index_en.htm

Il 27 febbraio Unioncamere del Veneto ha partecipato ad una riunione presso la Rappresentanza Permanente dellItalia presso lUE, nella quale alcuni attori italiani hanno discusso delle principali iniziative legate a EXPO Milano 2015. Unioncamere del Veneto, in particolare, ha presentato gli eventi che saranno organizzati per promuovere le eccellenze Made in Veneto, con particolare attenzione alle iniziative B2B volte a favorire la produzione e la commercializzazione dei prodotti legati al territorio. Lelenco di tali eventi e di tutte le attivit previste in concomitanza con EXPO Milano 2015 sar disponibile sul portale http://www.expoveneto.it/.
APPROFONDIMENTI IN RILIEVO
Consulta anche tu l'archivio digitale della Delegazione di Unioncamere del Veneto di Bruxelles al sito http://www.eurosportelloveneto.it/report.asp. Troverai un archivio digitale con tutti i report, organizzati per tematica di riferimento, dei principali approfondimenti (eventi e commissioni parlamentari) eseguiti dalla delegazione di Bruxelles.
  • INFO DAY: Responsible Research and Innovation and Social Sciences and Humanities in WP15 of Horizon 2020: La seduta cominciata con linquadramento delle scienze socio-economiche ed umanistiche (SSH) allinterno dei principali pilastri di Horizon 2020 (Social Challenges, Excellent Sciences, Industrial Leadership, Science with and for Society) Maggiori informazioni;
  • Multistakeholder forum on Corporate Social Responsibility I giorni 3 e 4 febbraio 2015 si svolto presso la Commissione Europea il forum multistakeholder sulla responsabilit sociale dimpresa. Levento stato strutturato in sessioni plenarie, in cui venivano trattati temi di interesse collettivo, e in diversi round di sessioni parallele, nei quali veniva data la possibilit di approfondire i temi di maggior intesse tra quelli presenti nei panel. Maggiori informazioni;
  • INFO DAY: H2020 - Smart Cities & Communities 2015: Il giorno 12 Febbraio si svolto uninfo day focalizzato sulle call for proposal Smart Cities & Communities per lanno 2015 finanziate dal programma H2020. Levento ha avuto lo scopo di informare sugli obiettivi, esigenze e specificit delle nuove proposte, ma anche quello di presentare ci che stato sviluppato durante lanno 2014. Maggiori informazioni.

ALCUNI DEI PROSSIMI EVENTI IN PROGRAMMA
  • 5 marzo: LOCAL AND REGIONAL PARTNERS CONTRIBUTING TO EUROPE 2020, Centre Albert Borschette, 36, rue Froissart-1049 Brussels;
  • 5-6 marzo: PAN-EUROPEAN DIALOGUE BETWEEN CRUISE OPERATORS, PORTS AND COASTAL TOURISM STAKEHOLDERS, Square Conference Centre, rue Mont des Arts, B-1000 Brussels;
  • 11 marzo: POLICY WORKSHOP ON RESOURCE EFFICIENCY AND ECO-INNOVATION, CEPS, Place du Congrs 1, 1000, Brussels.
sportellO CROAZIA

Lo Sportello Croazia nasce per dare supporto alle PMI italiane nella ricerca di informazioni riguardo i fondi strutturali erogati dalle autorit croate dopo lentrata della Repubblica di Croazia nellUnione Europea, per il periodo 2014 - 2020. Lobiettivo principale quello di favorire lo sviluppo degli scambi commerciali fra la Regione Istriana e Litoraneo Montana e la Regione Veneto, nonch la collaborazione fra gli investitori delle Regioni sopracitate, fornendo informazioni ed assistenza ai processi di internazionalizzazione ed esportazione con particolare riferimento alle politiche comunitarie.
Lo Sportello, istituito presso la Camera di Commercio Istro - Veneta, fornisce informazioni a tutti gli imprenditori italiani desiderosi di saperne di pi sui fondi strutturali e sulle opportunit di finanziamento che questi offrono.

Per ottenere maggiori informazioni sui bandi gi pubblicati, su quelli di prossima attivazione, sulle condizioni di eleggibilit e per ricevere la newsletter periodica sui fondi strutturali Vi preghiamo di prendere contatto con la segreteria della Camera di Commercio Istro Veneta:
Tel: +385 52852055
E-mail: segreteria.cciv@gmail.com
Rudarska 1
Labin (Albona)
Croazia

La Camera di Commercio Istro-Veneta lieta di comunicarVi che on-line il sito alla pagina: www.gkiv.hr.
All'interno potrete trovare tutte le informazioni riguardo i bandi dei fondi strutturali europei con le relative linee guida, le opportunit d'investimento in territorio Croato e molto altro ancora.

sportellO u.s.a.

Eurosportello Veneto-Stati Uniti nasce per dare assistenza e supporto informativo alle PMI Venete interessate ad investire e/o ad esplorare ed operare nel mercato americano. Con lobiettivo di promuovere e rafforzare la cooperazione transatlantica, lo sportello fornisce informazioni e assistenza anche ad imprese americane interessate a diverse forme di cooperazione transatlantica orientandone il focus e gli obiettivi verso il territorio veneto.
Lo Sportello ha base a New York ed il frutto di un accordo di collaborazione con lunico ufficio della rete europea Enterprise Europe Network (EEN) presente negli Stati Uniti. Lo sportello opera coordinandosi con le istituzioni italiane, con la rete delle camere di Commercio Italiane negli Stati Uniti e con istituzioni e soggetti americani attivi nel sostegno allimprenditoria. La costituzione e il rafforzamento di tale network sono condizione necessaria per stimolare e partecipare attivamente al Programma europeo di cooperazione transatlantica, fornendo in questo modo alle imprese strumenti e opportunit concrete di confronto costruttivo attraverso la presentazione di progetti condivisibili soprattutto nellambito della Ricerca e dellinnovazione.

Eurosportello Veneto - USA
c/o EABO (European American Business Organization)
Tel: +1 347 821 2384 Fax: +1 212 972 3026
E-mail: debacco@eurosportelloveneto.it
Referente: Beatrice De Bacco
SPORTELLO apre

PUBBLICATO IL BANDO ERC ADVANCED GRANT 2015
La scadenza prevista per il 2 giugno 2015.
E' stato pubblicato oggi il bando ERC Advanced Grant 2015, con scadenza 2 giugno 2015 alle 17.00 ora di Bruxelles.
I bandi ERC Advanced Grants in breve:
  • Settore di ricerca: qualsiasi settore scientifico, tecnico e accademico
  • Ricercatori: di qualsiasi et e nazionalit. I richiedenti devono essere scientificamente indipendenti, vantare un curriculum di attivit di ricerca recente e avere un profilo che li identifichi come leader del/i rispettivo/i settore/i di ricerca
  • Criterio di valutazione: eccellenza scientifica
  • Istituzione ospitante: le attivit di ricerca devono essere svolte presso unorganizzazione di ricerca pubblica o privata (nota come istituzione ospitante) situata in uno degli Stati membri dellUE o dei paesi associati
  • Finanziamento: fino a 2,5 milioni per borsa di ricerca (in alcuni casi fino a 3,5 milioni per borsa di ricerca)
  • Durata: fino a 5 anni
VIDEO ICT IN HORIZON 2020
La Commissione europea ha lanciato una serie di video sulla tematica ICT
I primi 4 video pubblicati, su una serie di 7, sono incentrati sulle possibilit di finanziamento per la tematica ICT all'interno di Horizon 2020.
I 4 video pubblicati sono:
ICT for societal challenges in H2020
ICT-enabled public sector innovation in H2020
ICT innovation in health, ageing and wellbeing in H2020
Digital Security in H2020
ACARE ITALIA: PUBBLICAZIONE "STRATEGIC RESEARCH AND INNOVATION AGENDA-ITALIA"
La piattaforma tecnologica ACARE Italia lieta di presentare la Strategic Research and Innovation Agenda - Italia (SRIA It), la nuova roadmap strategica nazionale che illustra le linee di orientamento condivise da tutti gli stakeholder nazionali fornendo un utile riferimento alla definizione delle strategie di investimento per le attivit di ricerca, sviluppo e innovazione tecnologica nel settore dell'Aeronautica e del Trasporto Aereo includendo anche i sistemi per missioni speciali civili e gli aspetti duali.
La SRIA It costituita da 3 documenti:
  • Executive Summary, con una visione sintetica degli aspetti principali
  • Volume 1, con l'indicazione di scenario di riferimento, obiettivi, challenges e raccomandazioni, orientato a tutti gli attori del settore con particolare riferimento ai Decision & Policy makers
  • Volume 2, con le indicazioni degli obiettivi di dettaglio previsti dalla roadmap per ogni "sfida" (challenge) e orientato principalmente a coloro che sono direttamente coinvolti nel settore della R&I.
I documenti sono scaricabili al link: http://download.apre.it/SRIA It.zip
VISUALIZZA TUTTI I BANDI DI RICERCA APERTI.

altre iniziative

EGOINg abroad, a cura di eurocultura
Eurocultura, fondata nel 1993, un'associazione culturale con sede a Vicenza, che gli assegnata il compito di facilitare i propri soci nella realizzazione di attivit di lavoro, stage, volontariato e formazione all'estero. Il suo obiettivo di fornire un quadro completo sia delle opportunit all'estero sia delle difficolt da superare, il che permette ai soci di trovare l'offerta adeguata alle proprie necessit.

Eurocultura
Via del Mercato Nuovo, 44/G
36100 Vicenza
tel. 0444 - 964 770
fax 0444 - 960 129
info@eurocultura.it
www.eurocultura.it

Centro di formazione in Europrogettazione
Venice International University
Isola di San Servolo - Venezia
Dal 1999 viene organizzato (spesso in pi edizioni annuali) il Master in Europrogettazione, aperto a tutti coloro che intendano affrontare gli aspetti legati alla redazione e allo sviluppo di un progetto europeo: dalla ricerca e individuazione delle informazioni al partenariato, dal budget alla definizione di un piano di comunicazione e disseminazione efficace. Il Master ha un taglio pratico e operativo, ed adatto sia a chi si accosta per la prima volta alla progettazione europea, sia a chi ha gi acquisito esperienza e desidera strutturare al meglio le proprie competenze. Largo spazio lasciato all'esercitazione in piccoli gruppi omogenei, in base ai settori di provenienza degli allievi.
Il Master offre inoltre un periodo di assistenza alla redazione di un progetto, che l'interessato svilupper autonomamente con l'assistenza dei nostri tutors, e al termine del quale potr conseguire il Master (non obbligatorio per l'allievo, a cui viene comunque rilasciato un attestato di frequenza).
Dal 2004 al Master in Europrogettazione stata affiancata la Scuola di gestione dei progetti europei, finalizzata ad approfondire tutte le problematiche inerenti alla vita di un progetto approvato: i rapporti con l'Unione Europea, le tecniche e gli strumenti di gestione dei progetti e del partenariato, il monitoraggio e la valutazione, la gestione economico-finanziaria e la rendicontazione. Anche in questo caso linterattivit tra docenti e allievi riveste unimportanza cruciale per l'ottimale riuscita del corso: per questo lasciato ampio spazio a domande ed esercitazioni.
Entrambi i percorsi durano ciascuno una settimana a tempo pieno, durante la quale sono previste iniziative collaterali e servizi aggiuntivi, che variano a seconda delle edizioni: approfondimenti, seminari facoltativi, ecc.
Il Centro offre inoltre seminari specialistici, di progettazione su varie tematiche: ambiente, ricerca, cooperazione territoriale, apprendimento permanente, ecc. solitamente in concomitanza con luscita di bandi particolarmente rilevanti. I seminari hanno normalmente una durata di una o due giornate, e si concentrano su un bando o su un programma specifico di particolare complessit e attualit, oppure su temi di rilevanza trasversale.
Il Centro in grado di concludere convenzioni e accordi con enti e imprese che avessero la necessit di formare un numero rilevante di persone, orientando e terminando la formazione alle loro specifiche esigenze, e realizzando direttamente le attivit didattiche presso le strutture richiedenti.

http://www.europelago.it/dove.asp
euroreporter
La Redazione di Eurosportello Informa, grazie alla collaborazione con Euroreporter, web site per linformazione europea su misura, offre una rubrica di approfondimenti tematici dallEuropa su: evoluzione normativa, giurisprudenza, consultazioni pubbliche, regolamentazione tecnica, progetti transfrontalieri, conferenze e altri eventi, partenariati e accordi di settore, studi e rapporti di organismi pubblici o privati, posizioni delle associazioni di categoria europee o nazionali, azioni politiche e di lobbying, reazioni comunitarie a iniziative nazionali o viceversa, progressi tecnologici, tendenze di mercato.
Per visualizzare lelenco cliccare il seguente link: http://www.euroreporter.eu

contatti

Per non ricevere la newsletter ciccare QUI
Eurosportello informa - Anno XIX N 4 2015
Pubblicazione quindicinale di Eurosportello del Veneto
Via delle Industrie 19/d 30175 Venezia-Marghera Tel.041/0999411 Fax. 041/0999401
www.eurosportelloveneto.it e-mail: europa@eurosportelloveneto.it

Autorizzazione del Tribunale di Venezia n. 1376 del 15/12/00
Direttore Responsabile: Gian Angelo Bellati
Comitato di redazione: Roberta Lazzari, Francesco Pareti

Hanno collaborato: Roberto Bassetto, Chiara Bianchini, Marco Boscolo,Rossana Colombo,Irene Coppola,
Bernd Faas, Laura Manente, Filippo Mazzariol, Marcello Moi, Daniela Nardello,Alessandra Vianello,
Alessandro Vianello