<
n° 11
15/6/2017
EUROSPORTELLO INFORMA

n 11
15 giugno 2017


Enterprise Europe Network la pi grande rete a supporto delle PMI a livello mondiale, presente in pi di 60 Paesi e composta da oltre 600 partner locali, raggruppati localmente in consorzi.

La Rete e i suoi membri mettono a sistema la propria esperienza sul business a livello internazionale con le competenze locali per supportare lintroduzione dellinnovazione nel mercato.

La Rete fornisce assistenza personalizzata alle imprese per accelerarne la crescita, sviluppare nuovi partenariati commerciali e tecnologici, favorire laccesso al credito e la partecipazione a programmi di finanziamento europei

EUROSPORTELLO

NEWS - eventi
LTZ BIZ CIRCULAR 2017 EVENTO DI INCONTRI BILATERALI - LUSSEMBURGO, 21 E 22 GIUGNO 2017
WATEC ITALY 2017 WATEC TECHNOLOGY AND ENVIRONMENTAL CONTROL EXHIBITION & CONFERENCE
PALERMO, 23 GIUGNO 2017
FASHIONMATCH 2017 2 edizione di incontri bilaterali
Torino, 29 e 30 giugno 2017
CONSULTAZIONE EUROPEA SULLA REGOLAMENTAZIONE COMUNITARIA DEI DETERGENTI
La Commissione Europe invita le PMI soggette al Regolamento comunitario sui detergenti a prendere parte alla suddetta Consultazione compilando entro il 27 giugno il questionario al seguente link e inviarlo a Unioncamere del Veneto Eurosportello (e-mail: europa@eurosportelloveneto.it). Per maggiori informazioni si prega di contattare la dott.ssa Chiara Bianchini e la dott.ssa Stefania De Santi (tel. 0410999411).
4TH SEMINAR ON INTERNATIONAL AND COMPARATIVE LABOUR LAW
GLOBAL TRADE AND LABOUR RIGHTS
VENICE, 18 JUNE 24 JUNE 2017
Dal 19 al 24 giugno si svolger a Venezia il IV seminario della Societ internazionale di diritto del lavoro.
Il seminario sar incentrato sulle problematiche del commercio internazionale e dei diritti sociali e si svolger interamente in lingua inglese. La mattina sono previste le relazioni dei docenti e nel pomeriggio i workshop autogestiti dai discenti.
Per chi volesse presentare un paper, la giornata di Venerd 23 giugno e' dedicata alle comunicazioni. Chi fosse interessato a partecipare solo a qualche sessione, e non ai lavori di gruppo pomeridiani, sar comunque il benvenuto.
La partecipazione e' gratuita previa iscrizione. Programma e modulo adesione
EVENTO IMPRESE IN AZIONE!, IL 21 GIUGNO ALL'NH LAGUNA PALACE DI MESTRE (VE)
Hai unidea innovativa e non sai come realizzarla? Vuoi scoprire i segreti per sviluppare il tuo progetto? Sai come finanziare la tua impresa, magari anche allestero?
La risposta a queste e a molte altre domande sar ad Imprese in Azione!, giornata-evento con 6 laboratori tematici per fornire nuovi strumenti, saperi e opportunit agli imprenditori di oggi e a quelli di domani.
Levento gratuito e si terr il 21 Giugno dalle 9.30 alle 17.30 presso lNH Laguna Palace, a Mestre-Venezia in Viale Ancona, 2.
Iscrizione necessaria entro il 14 Giugno al link: register.unioncamereveneto.it/form/971756.
Segui gli aggiornamenti dell'evento sui nostri social: https://goo.gl/ic77WR
Programma della giornata
PRIMO OPEN DAY REGIONALE DELLA RSI AMBIENTE ED ENERGIA
22 GIUGNO 2017, ORE 15.30-18.30
Gioved 22 giugno 2017 si terr in tutte le province del Veneto il primo open day regionale della Responsabilit Sociale dImpresa (RSI) promosso da Regione e Unioncamere del Veneto. Levento si inserisce allinterno della Settimana Europea dellEnergia sostenibile (19-25 giugno). Obiettivo della giornata , perci, sensibilizzare cittadini e imprese sullimportanza della tutela dellambiente e del risparmio energetico e mostrare casi concreti di green business. Aziende di diversi settori e dimensioni in ciascuna provincia del Veneto apriranno le loro porte per mostrare le proprie buone pratiche nella progettazione e produzione di beni e servizi nel rispetto dellambiente. Tra le imprese ospitanti Grafica Veneta, azienda da 150 milioni di copie di libri l'anno e totalmente carbon free e Zordan, una delle prime aziende certificate B-corp in Veneto, ma anche eccellenze meno conosciute ma non per questo meno interessanti. Levento finanziato dalla Convenzione per la realizzazione di attivit in ambito di sostenibilit e Responsabilit Sociale dImpresa (DGR 3015/2013) firmata da Regione e Unioncamere del Veneto.
Le visite sono gratuite e a numero chiuso. Adesioni online entro il 20 giugno.
Programma
15.30 Accoglienza partecipanti presso limpresa
16.00 Esposizione azioni/percorso "CSR" a cui segue la visita guidata dell'impresa
18.30 Conclusione della visita
Elenco Aziende Ospitanti
Antico - Zona industriale Gresal 14, Sedico (BL) - N massimo partecipanti: 10
Grafica Veneta S.p.a. - Via Malcanton 2, Trebeseleghe (PD) - N massimo partecipanti: 30
Home S.r.l, Via III Settembre 2, Cison di Valmarino (TV) - N massimo partecipanti: 30
La Edilegno s.r.l., Via Vittorio Veneto 31/H, San Martino di Colle Umberto (TV) - N massimo partecipanti: 6
Studio tecnico Omega, Via Como 43/6, San Don di Piave (VE) - N massimo partecipanti: 15
Hosutech di Comini Luca , Via Attila 8, Valeggio sul Mincio (VR) - N massimo partecipanti: 2
Polato Impianti, Via Ortigara, 38/E Villafranca di Verona (VR) - N massimo partecipanti: 15
Zordan s.r.l. SB, Via IX settembre 46, Valdagno (VI) - N massimo partecipanti: 50
Recruit s.r.l., Contr Pasini 12, Vicenza - N massimo partecipanti: 6
Programma
ISCRIVITI! http://survey.unioncamereveneto.it/form/319937
IL TRASFERIMENTO DI IMPRESA NELLARCO ALPINO: NUOVE SFIDE - NUOVI MERCATI - TREVISO, 27 GIUGNO 2017
Il trasferimento di impresa nellarco alpino: nuove sfide nuovi mercati: il progetto C-TEMALp Continuit delle Imprese Tradizionali in Aree di Montagna dello Spazio Alpino finanziato dal Programma Europeo Interreg V Spazio Alpino 2014 2020, intende migliorare le opportunit ed i servizi relativi al trasferimento di impresa nelle regioni alpine. Lincontro rivolto alle imprese, agli enti, alle associazioni di categoria ed i professionisti, interessati a conoscere le opportunit ed i servizi proposti dal progetto ed approfondire gli aspetti tecnici, giuridici e fiscali, connessi al trasferimento di impresa in area alpina. Nel corso dellincontro vi sar la possibilit di usufruire di consulenze individuali gratuite direttamente con i nostri esperti. I profili degli esperti che parteciperanno allincontro sono descritti allinterno del programma.
Per registrarsi si prega di compilare il modulo al seguenti link:
http://register.unioncamereveneto.it/form/168698 entro e non oltre marted 20 giugno 2017.
Scarica l'invito
Scarica il programma
Questionario di gradimento dei servizi Unioncamere - Eurosportello del Veneto
Per una valutazione dei servizi offerti nel nostro territorio, vi chiediamo di rispondere a un breve questionario che ci permetter di conoscere meglio lutilizzo dei nostri servizi da parte delle imprese e dei soggetti del territorio e il vostro grado di soddisfazione.
Il questionario anonimo ed possibile accedervi cliccando qui.

Vi ringraziamo anticipatamente per la collaborazione!
fornitura di servizi specialistici e di consulenza
Appello alla manifestazione d'interesse - fornitura di servizi specialistici e di consulenza per Unioncamere del Veneto - Eurosportello del Veneto
NORMATIVA COMUNITARIA
QUESTIONI GENERALI, ISTITUZIONALI E FINANZIARIE
DOCUMENTO DI RIFLESSIONE SULL'APPROFONDIMENTO DELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA COM/2017/0291 final
Link al documento 1;
Link al documento 2;
Link al documento 3;
Link al documento 4.
POLITICA DEL LAVORO-OCCUPAZIONE
RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI Applicazione della decisione n. 573/2014/UE su una cooperazione rafforzata tra i servizi pubblici per l'impiego (SPI) COM(2017) 287 final
POLITICA DELLA CONCORRENZA
RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI Relazione sulla politica di concorrenza 2016 {SWD(2017) 175 final} COM(2017) 285 final
AMBIENTE
RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI Azioni per la razionalizzazione delle comunicazioni in materia di ambiente {SWD(2017) 230 final} COM(2017) 312 final
ISTRUZIONE, FORMAZIONE
COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI Sviluppo scolastico ed eccellenza nell'insegnamento per iniziare la vita nel modo giusto {SWD(2017) 165 final} COM(2017) 248 final/2
POLITICA EUROPEA DI SICUREZZA COMUNE
DOCUMENTO DI RIFLESSIONE SUL FUTURO DELLA DIFESA EUROPEA COM(2017) 315 final
POLITICA SOCIALE
RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO Relazione annuale sull'attuazione dell'iniziativa Volontari dell'Unione per l'aiuto umanitario nel 2016 COM(2017) 313 final
gare d'appalto
Visualizza le GARE D'APPALTO per lavori, servizi e forniture.
Per ricevere le gare selezionate in base al vostro settore dattivit, iscrivetevi al servizio gratuito EUROAPPALTI.
ricerca partner
Ricerca le Idee progettuali di partner stranieri interessati a presentare progetti europei con partner italiani.
bandi europei
Apri lelenco completo dei bandi UE aperti, selezionati dalla Gazzetta ufficiale serie C e dai siti delle diverse Direzioni Generali dell Europea.
bandi e fondi strutturali
AVVISO PUBBLICO PER PROCEDURA A SPORTELLO PER LA PRESENTAZIONE DI DOMANDE DI SOSTEGNO A FAVORE DELLEFFICIENZA ENERGETICA DI EDIFICI E STRUTTURE PUBBLICHE
POR FESR 2014-2020
Asse 4. Azione 4.2.1 "Incentivi finalizzati alla riduzione dei consumi energetici e delle emissioni di gas climalteranti delle imprese e delle aree produttive" (DGR n. 771 del 29 maggio 2017)
INTERREG V ITALIA CROAZIA
Primo bando per le proposte progettuali inerenti la tipologia Standard del primo bando del Programma CBC Italia-Croazia 2014-2020. La presentazione dei progetti avviene ad opera del Capofila (Lead Applicant) che lunico soggetto abilitato ad operare nella piattaforma informatica SIU (Sistema Informativo Unificato) in rappresentanza di tutto il partenariato progettuale. Il Capofila, per poter operare nel SIU, dovr ottenere le credenziali registrandosi nel sistema on-line GUSI.
Scadenza: si comunica che, a causa di alcuni malfunzionamenti verificatisi sul Sistema Informativo Unificato (SIU), lAutorit di Gestione del Programma CBC Italia-Croazia 2014-2020 ha prorogato i termini per il caricamento delle proposte progettuali Standard al 3 luglio 2017 (ore 17.00).
Link diretti sono disponibili dalla new pubblicata sul blog della cooperazione territoriale o direttamente sul sito web del Programma: http://www.italy-croatia.eu/call-proposa
eurocooperazioni
Visualizza lelenco delle aziende straniere che cercano cooperazioni internazionali

sportello bruxelles

NOTIZIE DALLA SEDE DI BRUXELLES
Bruxelles - Europa Digitale: Opportunit per lindustria, per la Societ dei Gigabit
La digitalizzazione dellindustria europea richiede misure per evitare una societ a due velocit, mentre la strategia UE sullo spettro di banda dovrebbe incentivare la tecnologia 5G.
In una risoluzione messa ai voti gioved, i deputati dichiarano che laccesso alle telecomunicazioni dovrebbe essere uguale in tutta lUE, evitando uno sviluppo digitale diseguale in settori come quello dei trasporti e del turismo. Lintelligenza artificiale e la robotica, inoltre, richiedono norme chiare sulla sicurezza e sulle responsabilit.
Le scuole dovrebbero trasmettere le necessarie competenze al fine di colmare il divario digitale e garantire una facile transazione verso uneconomia intelligente. Le autorit dovrebbero infine includere requisiti di sicurezza informatica nelle gare per gli appalti pubblici.
Cogliere le opportunit del 5G
In unaltra risoluzione non legislativa, votata sempre gioved, i deputati hanno dichiarato che per evitare i ritardi riscontrati durante linstallazione del 4G, gli Stati membri devono lavorare meglio congiuntamente sulla strategia dello spettro di banda e garantire una rapida diffusione del 5G.
2.3 milioni i posti di lavoro che deriveranno direttamente ed indirettamente dallinstallazione del 5g.
Il 5G pi di una rivoluzione nella connessione mobile, un motore dinnovazione, che porta cambiamenti nelle industrie, sviluppando modelli di business, creando nuove reti e servizi di alta qualit, connettendo nuove industrie e migliorando il servizio per i clienti. Abbiamo bisogno di un semplice quadro giuridico, modelli flessibili per co-investimenti, nonch certezza e prevedibilit a lungo termine relatore Michal Boni (PPE, PL).
LUE potrebbe diventare un leader mondiale nella digitalizzazione dellindustria. Tuttavia dobbiamo avanzare con decisione e insieme per affrontare questo cambiamento. La leadership industriale non garantita. Non dobbiamo solamente avere il pieno controllo della tecnologia e dei nuovi modelli di business, ma tenere anche conto delle nostre responsabilit sociali. Come ogni buona politica economica, la digitalizzazione deve essere del, per e dal popolo relatore Reinhard Btikofer (Verdi/ALE, DE)
Bruxelles La nuova etichettatura energetica
Il parlamento vota sulle semplificazioni del sistema di etichettatura energetica
L'EU Energy Label, un adesivo colorato che mostra l'efficienza energetica dei prodotti, un attrezzo consolidato per l'informazione dei consumatori. Nel luglio 2015, la Commissione europea ha proposto una revisione dell'etichetta di efficienza energetica, poich alcune etichette esistenti hanno affrontato i progressi tecnologici, lasciando cos poco spazio alla differenziazione.
Utilizzare lenergia in modo efficiente e oculato certamente uno dei sistemi pi semplici per risparmiare sulle bollette. Molti elettrodomestici come lampade, televisori e aspirapolveri sono dotati di un'etichetta standardizzata per aiutare il consumatore a calcolarne l'efficienza energetica. Il Parlamento europeo voter marted per semplificare questo sistema di etichettatura, rendendolo pi facile da capire per il consumatore.
Efficienza energetica significa ottenere le stesse prestazioni consumando meno energia. Il primo marchio energetico UE fu introdotto nel 1994, classificando gli apparecchi con la lettera G (meno efficienti) e A (pi efficienti). Poich i produttori hanno migliorato le prestazioni energetiche dei prodotti, l'etichetta stata estesa ad A +++. Tuttavia, l'introduzione di classi A + e superiori ha ridotto l'efficacia dell'etichetta energetica poich la maggior parte dei prodotti ora si colloca nella fascia classe A o superiore.
Lintenzione dei deputati europei di ripristinare la scala originaria A-G e istituire un meccanismo di ridimensionamento pi flessibile a ulteriori miglioramenti nell'efficienza energetica, senza dover creare nuove classi energetiche. La proposta comprende anche misure per migliorare il monitoraggio dei marcati nazionali e la creazione di un nuovo database dei prodotti.
Bruxelles Le multinazionali potrebbero essere tenute a divulgare le informazioni fiscali
  • Le multinazionali devono divulgare pubblicamente la tasse che pagano e dove
  • La divulgazione include le tasse pagate all'esterno dell'UE
  • Le misure comprenderebbero le imprese con fatturato mondiale di 750 milioni di euro o pi
  • Le grandi imprese devono fornire informazioni sulla tasse che pagano in ogni paese del mondo, disponibili a livello pubblico.
Una proposta che richiede alle multinazionali di riferire le proprie fatture fiscali, paese per paese, con possibili deroghe nel caso di informazioni sensibili al commercio, stata approvata con 38 voti favorevoli, 9 voti favorevoli e 36 astensioni. L'obiettivo quello di aumentare la trasparenza fiscale fornendo al pubblico un quadro delle imposte pagate dalle multinazionali e dove le imposte sono pagate.
I comitati hanno inoltre votato per consentire alle imprese di chiedere deroghe alle autorit degli stati membri, liberandole dell'obbligo di rivelare i dettagli fiscali al fine di proteggere le informazioni sensibili al commercio.
Queste misure costituiscono un deterrente per contrastare l'evasione fiscale delle imprese, che stimata nei Paesi dell'Unione europea intorno ai 50-70 miliardi di euro all'anno in perdite fiscali, secondo la Commissione europea.
APPROFONDIMENTO
La difesa nell'UE: il Parlamento a favore di una maggiore cooperazione
In un clima internazionale molto incerto, tornano di attualit le politiche per la difesa in Europa. Il Parlamento ha presentato alcune possibili soluzioni in materia di sicurezza.
Secondo un'indagine dellEurobarometro marzo 2017, il 68% degli europei vorrebbe maggiori interventi da parte dellUE per quanto riguarda la difesa e la sicurezza.
Il Parlamento europeo sempre stato un sostenitore coerente e convinto della cooperazione europea in tema di difesa e dell'integrazione delle politiche relative alla difesa.
Gli Stati membri rimangono le autorit competenti per la difesa e la sicurezza. Gli eurodeputati sostengono che dovrebbero per dimostrare un maggiore impegno politico, aumentare gli investimenti, condividere le informazioni e unire le risorse a livello comunitario per proteggere meglio i cittadini.
Cos facendo si aprirebbe la possibilit di creare sinergie, evitare le duplicazioni e aumentare l'efficienza di tutti i 28 Stati senza arrivare alla creazione di un esercito europeo.
La Commissione europea pubblica il 7 giugno un documento di riflessione che delinea il futuro della difesa nell'UE: scopri la posizione del Parlamento e le richieste dei deputati.
Economie di scala
L'UE il secondo pi grande investitore mondiale per la difesa: nel 2016 gli Stati Uniti hanno speso 546 miliardi di euro; l'UE28 ha speso 206 miliardi di euro, seguita dalla Cina con 131 miliardi di euro.
Gli eurodeputati hanno sollecitato i paesi europei ad aumentare la spesa nazionale per la difesa fino al 2% del PIL, ma chiaro che gli investimenti da soli non bastano. L'Unione europea spreca ogni anno circa 26,4 miliardi di euro a causa di una duplicazione delle spese per la difesa, eccedenze e ostacoli agli appalti.
Il Parlamento chiede dunque che gli Stati membri acquistino congiuntamente le risorse necessarie per la difesa, beneficiando di uneconomia di scala.
In una risoluzione sull'Unione europea della difesa (22 Novembre 2016) si evidenzia la possibilit per gli Stati membri di riunire le risorse, stabilire forze multinazionali ed istituire una sede UE per la pianificare e la gestione delle situazioni di crisi, consentendo di reagire pi velocemente ed efficacemente alle minacce alla sicurezza.
Investimenti dellUE per la ricerca nel campo della difesa
I budget per la difesa sono calati con la crisi economica e con loro sono diminuiti anche gli investimenti in ricerca e sviluppo.
Una soluzione, secondo il Parlamento, sarebbe quella dei progetti di ricerca collaborativi. Il budget dellUnione non pu prendere il posto degli Stati membri in materia di difesa ma potrebbe fornire supporto a quei paesi che lavorano insieme.
La Commissione europea ha istituito il Piano dazione europeo in materia di difesa e il Fondo europeo per la difesa a novembre 2016 per sfruttare al massimo i risultati e rendere ancora pi efficienti le spese in materia di difesa.
Il Parlamento ha salutato positivamente queste iniziative di supporto al finanziamento delle capacit.
La cooperazione deve essere la norma
Il Parlamento sta valutando le possibilit legali offerte dal Trattato di Lisbona. I deputati hanno convenuto, in una risoluzione sulla Politica di sicurezza e difesa comune a marzo, che gli strumenti ci sono ma quello di cui c bisogno per una cooperazione allinterno dellUE in tema di difesa la volont politica.
Il Parlamento vorrebbe rafforzare la posizione e i finanziamenti dellAgenzia europea per la difesa, usare di pi la Cooperazione strutturata permanente e includervi allinterno il Gruppo tattico dellUE.
Ci sono diversi sistemi di difesa nellUnione Europea e linteroperabilit delle capacit dei singoli stati uno dei punti deboli che secondo il Parlamento deve essere affrontato. Gli eurodeputati hanno anche proposto che i ministri della difesa si incontrino in una formazione del Consiglio diversa per meglio sincronizzare la pianificazione e mettere in pratica una Revisione coordinata annuale sulla difesa.
Il contesto internazionale e la difesa reciproca
Il cambiamenti geopolitici fuori dai confini dellUnione, sommati al terrorismo, ai cyber-attacchi e allinsicurezza energetica rendono evidente che nessuno stato pu farcela da solo. Sia il trattato sullUnione europea (art.42.7) sia la NATO (ART.5) prevedono una clausola di mutua difesa. Sebbene i deputati sostengano una autonomia strategica a livello UE, secondo il Parlamento unUnione europea della difesa rafforzerebbe la cooperazione dellUE con la NATO e dovrebbe essere sviluppata in questo senso.
Il Parlamento ha sottolineato il bisogno di ulteriori riflessioni sulle future relazioni fra Regno Unito e Unione europea, in particolare nel campo delle capacit militari. Allo stesso tempo la risoluzione che definisce i punti fermi del Parlamento per le negoziazioni UE-Regno Unito, adottata il 6 aprile scorso, mette in guardia contro un possibile scambio fra sicurezza e il futuro delle relazioni economiche.
Che futuro per lintegrazione europea?
La Commissione pubblicher cinque documenti di riflessione fino alla fine di giugno per lanciare un dibattito sul futuro dellintegrazione europea. Ogni documento dedicato a un tema specifico: la dimensione sociale dellEuropa, la globalizzazione, lunione economica e monetaria, la difesa e le finanze. I documenti contengono idee e scenari su come potrebbe essere lEuropa nel 2025. Liniziativa terminer a met settembre con il discorso annuale sullo stato dellUnione del Presidente Jean-Claude Juncker.
ALCUNI DEI PROSSIMI EVENTI IN PROGRAMMA
Il 16 Giugno: La sicurezza energetica e climatica nel contesto geostrategico CEPS (Conference Room) - Place du Congrs 1 - 1000 Bruxelles, Belgium
Dal 19 al 25 Giugno: European Sustainable Energy Week 2017 European Commission- Charlemagne Building - Brussels, Belgium
Il 20 Giugno: "International forum on women and trade Belliardstraat 99-101, 1000 Brussel - Brussels, Belgium

sportello CROAZIA

Lo Sportello Croazia nasce per dare supporto alle PMI italiane nella ricerca di informazioni riguardo i fondi strutturali erogati dalle autorit croate dopo l'entrata della Repubblica di Croazia nell'Unione Europea, per il periodo 2014 - 2020. L'obiettivo principale quello di favorire lo sviluppo degli scambi commerciali fra la Regione Istriana e Litoraneo Montana e la Regione Veneto, nonch la collaborazione fra gli investitori delle Regioni sopracitate, fornendo informazioni ed assistenza ai processi di internazionalizzazione ed esportazione con particolare riferimento alle politiche comunitarie.

Lo Sportello, fornisce informazioni a tutti gli imprenditori italiani desiderosi di saperne di pi sui fondi strutturali e sulle opportunit di finanziamento che questi offrono.

Referente: Luca Pavanato
Eurosportello Unioncamere del Veneto
Via delle Industrie, 19/d
I 30175 Venezia
Tel. +39 041 099 9411
Fax +39 041 099 9401
E-mail: europa@eurosportelloveneto.it
Unioncamere Veneto Delegazione di Bruxelles
Avenue des Arts 19/D
Bruxelles 1000-B
Tel. segreteria 0032 25510490

BANDO
Lo sviluppo delle infrastrutture delle zone commerciali

sportello apre

NOTIZIE
ONLINE IL NUOVO NUMERO DI APREMAGAZINE
L'APREmagazine una pubblicazione che vuole essere una proposta di lettura per tutti coloro che sono interessati, a vari livelli di coinvolgimento, nel vasto mondo della Ricerca e Innovazione, declinate in particolar modo in ambito europeo.
Alla base della linea editoriale di APREmagazine, vi lidea di accostare, in modo quanto pi equilibrato, uninformazione diretta, quella proveniente dai Rappresentanti nazionali e dai National Contact Point, con articoli di approfondimento su vari temi di generale rilevanza proposti da nomi di spicco nel contesto di Horizon 2020.
http://download.apre.it/03-APRE_Magazine.pdf
DOCTORAL SUMMER SCHOOL - DEVELOPMENT OF INNOVATIVE INSTRUMENTS & DIAGNOSTIC STRATEGIES IN HERITAGE SCIENCE
PARIGI, 4-7 LUGLIO 2017
Nellambito di IPERION CH progetto europeo in cultural heritage finanziato dal programma H2020, il Centre de Recherche et de Restauration des Muses de France (C2RMF) organizzer una doctoral summer school il 4-7 Luglio a Parigi in tema di sviluppo di strumenti innovativi e diagnostica per i beni culturali.
Per maggiori informazioni su eleggibilit e modalit di partecipazione, consultare il sito IPERION CH
http://www.iperionch.eu/summer-school
CONTRIBUTO PER RICERCATORI ERC CHE TRASFERISCANO LA PROPRIA HOST INSTITUTION ALLUNIVERSIT DEGLI STUDI DI BERGAMO
Iniziativa a favore dei ricercatori ERC
Fondazione Cariplo e Regione Lombardia hanno deciso di dare un contributo congiunto per favorire il reclutamento di ricercatori di nazionalit italiana o straniera assegnatari di grant ERC nelle categorie Starting, Consolidatoro Advanced che abbiano originariamente indicato come Host Institutionun centro di ricerca estero ma che, attivando il meccanismo della portabilit del contributo, si rendano ora disponibili a spostare la propria Host Institution presso Universit e Organismi di ricerca sia pubblici che privati no profit aventi sede operativa in Lombardia.
Previa valutazione e approvazione di unopportuna domanda di finanziamento, Fondazione Cariplo e Regione Lombardia intendono concedere un contributo a fondo perduto fino all80% delle spese totali ammissibili e comunque compreso tra un minimo di 160.000 e un massimo di 400.000.
LUniversit degli Studi di Bergamo (www.unibg.it) sostiene i ricercatori ERC:
  1. Supportandoli nella presentazione della domanda a Fondazione Cariplo e Regione Lombardia;
  2. Attraverso un contributo dellUniversit per lattivazione di borse di dottorato e di assegni di ricerca biennali o per sostenere i costi di avvio di laboratori scientifici.
Per maggiori informazioni, Vi preghiamo di fare riferimento entro e non oltre luned 4 settembre 2017 ai seguenti contatti dellUfficio Ricerca:
SPACE WEEK 2017
ASI - ITALIAN SPACE AGENCY, DAL 21 NOVEMBRE 2017 AL 30 NOVEMBRE 2017
Organizzato da: /Organized by: APRE in collaboration with the Italian Space Agency
APRE, in collaboration with the Italian Space Agency and thanks to the support of the COSMOS 2020 project (Horizon 2020 SPACE NCP) and Enterprise Europe Network, is organizing the SPACE week 2017 in Rome. The event will take place from the 21st to the 23rd of November 2017 and will be hosted by the Italian Space Agency.
Draft AGENDA HERE
Why partecipate
  • Get to know the new European Space Strategy focusing on the opportunities that will be launched through the Copernicus & Horizon 2020 programmes;
  • Short, sharp 30 minute meetings to foster effective networking in order to meet new industrial/research partners (brokerage event);
  • Stimulate the technology transfer from/to the SPACE sector.
Posters and Exhibitors
  • International partners corner: The International partner delegations who will attend the event will have the chance to have a booth to represent the own delegation. For further information please contact giglio@apre.it
  • Poster session: a selected number of posters will be displayed in the brokerage event area (first came first served bases)
International Partner delegations to be confirmed:
  • South Africa
  • Canada
  • Argentina
  • Mexico
  • Russia
  • China
  • Japan
  • South Korea
Free of charge: The whole event is free of charge.
Last edition: SPACE week 2015
Contact: Elena Giglio giglio@apre.it
Registration form and logistics information will be available soon
SCADENZA REACH 31 MAGGIO 2018: PREPARARSI SUBITO UNA PRIORIT SOPRATTUTTO PER LE PMI
Tutte le sostanze chimiche prodotte o importate nello Spazio economico europeo, in una fascia compresa tra 1 e 100 tonnellate l'anno, devono essere registrate entro il 31 maggio 2018 presso l'Agenzia europea per le sostanze chimiche (ECHA). Si tratta dell'ultimo termine di registrazione stabilito dal regolamento CE n. 1907/2006 (cd. REACH) per le sostanze chimiche gi esistenti.
Un obbligo per le imprese che consentir per di raccogliere enormi quantit di dati sulle sostanze fabbricate o usate in Europa, migliorando, in ultima analisi, la salute dell'uomo e dell'ambiente.
La scadenza del 2018 coinvolger decine di migliaia di imprese di tutte le dimensioni che, se inadempienti, non potranno pi immettere legalmente sul mercato le sostanze chimiche prodotte o importate. Registrare le sostanze un processo che richiede tempo. E importante che sin dora le imprese comincino a valutare il proprio portafoglio, analizzare i volumi di vendita e produzione delle sostanze, verificare lesistenza di obblighi ai sensi del REACH e, nel caso, pianificare la gestione delle loro registrazioni per l'ultimo termine fissato. Un'identificazione corretta delle sostanze in questa fase essenziale. L'ECHA, gli Stati membri e le associazioni di settore sono a disposizione dei potenziali dichiaranti per offrire assistenza mirata.
Il Ministero dello Sviluppo Economico mette a disposizione delle imprese lHelpdesk REACH, che fornisce gratuitamente informazioni e assistenza diretta, mediante la risposta a quesiti specifici che possono essere inviati accedendo al servizio contatta Helpdesk. In alternativa, le imprese possono rivolgersi alle associazioni di settore o avvalersi del supporto dellECHA, consultando il sito dedicato REACH 2018, e formulando eventuali ulteriori quesiti direttamente all'Helpdesk ECHA (per aspetti legati all'utilizzo di IUCLID e REACH-IT).
L'ECHA ha in programma una serie di webinar con l'obiettivo di fornire una panoramica generale sulle sostanze che devono essere registrate, sulle informazioni necessarie e sugli elementi che incidono sui costi della registrazione.
Brochure

GOINg abroad, a cura di eurocultura

Eurocultura, fondata nel 1993, un'associazione culturale con sede a Vicenza, che gli assegnata il compito di facilitare i propri soci nella realizzazione di attivit di lavoro, stage, volontariato e formazione all'estero. Il suo obiettivo di fornire un quadro completo sia delle opportunit all'estero sia delle difficolt da superare, il che permette ai soci di trovare l'offerta adeguata alle proprie necessit.

Eurocultura
Via del Mercato Nuovo, 44/G
36100 Vicenza
tel. 0444 - 964 770
fax 0444 - 960 129
info@eurocultura.it
www.eurocultura.it

EUROREPORTER

La Redazione di Eurosportello Informa, grazie alla collaborazione con Euroreporter, web site per l'informazione europea su misura, offre una rubrica di approfondimenti tematici dall'Europa su: evoluzione normativa, giurisprudenza, consultazioni pubbliche, regolamentazione tecnica, progetti transfrontalieri, conferenze e altri eventi, partenariati e accordi di settore, studi e rapporti di organismi pubblici o privati, posizioni delle associazioni di categoria europee o nazionali, azioni politiche e di lobbying, reazioni comunitarie a iniziative nazionali o viceversa, progressi tecnologici, tendenze di mercato.
Per visualizzare l'elenco cliccare il seguente link: http://www.euroreporter.eu

CONTATTI

Per non ricevere la newsletter ciccare QUI
Eurosportello informa - Anno XXI N 11 2017
Pubblicazione quindicinale di Eurosportello del Veneto
Via delle Industrie 19/d 30175 Venezia-Marghera Tel.041 0999411 Fax. 041 0999401
www.eurosportelloveneto.it e-mail: europa@eurosportelloveneto.it

Autorizzazione del Tribunale di Venezia n. 1376 del 15/12/00
Direttore Responsabile: Gian Angelo Bellati
Comitato di redazione: Roberta Lazzari

Hanno collaborato: Roberto Bassetto, Michela Bergamin, Chiara Bianchini, Rossana Colombo,
Stefania De Santi, Mirta Diminic,Laura Manente, Filippo Mazzariol, Luca Pavanato,Ludovica Munari,
Samuele Saorin,Alessandra Vianello,Alessandro Vianello