Lavoro in Veneto: oltre 50,6 mila le assunzioni previste dalle imprese a gennaio

Professioni, lavoro
[online 12.01.2023] Saranno quasi 51mila le opportunità di lavoro offerte dalle imprese venete a gennaio, circa 3mila in più rispetto a quanto programmato un anno fa. La domanda di lavoro prevista ad inizio anno si colloca sopra i livelli pre-Covid e segna un +9,5% (+oltre 4milaassunzioni) in più rispetto a gennaio 2019. A guidare la domanda di lavoro il manifatturiero con un incremento su base annua del 16,3% (+1,1mila assunzioni). Mentre i settori del turismo dei servizi operativi di supporto a imprese e persone segna uno stallo rispessto allo scorso anno. Sale al 50% la difficoltà di reperimento (+5 punti percentuali rispetto a un anno fa).

Per quanto riguarda il trimestre gennaio – marzo 2023 le assunzioni previste sono quasi le 134 mila con una flessione di oltre 10mila rispetto all’analogo trimestre del 2022. È in crescita il mismatch tra domanda e offerta di lavoro, inoltre, per una quota pari al 63% delle entrate viene richiesta esperienza professionale specifica o nello stesso settore. Quasi un’assunzione su tre (33%) riguarda giovani fino a 29 anni d’età. A delineare questo scenario è il Bollettino del Sistema informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere e Anpal, che elabora le previsioni occupazionali di settembre.

Si segnala la versione aggiornata della dashboard interattiava mensile al seguente link

EXCELSIOR VENETOBOLLETTINO TAVOLE COMUNICATO STAMPA NAZIONALEVIDEO