Progetto Fondo Perequativo 2021-2022 –Transizione energetica

Progetto Fondo Perequativo 2021-2022 –Transizione energetica

ATTIVITÀ DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER LE IMPRESE SULLA TRANSIZIONE ED EFFICIENZA ENERGETICA E SULLE COMUNITÀ ENERGETICHE RINNOVABILI

Il Programma Fondo di Perequazione 2021-2022 Transizione Energetica ha l’obiettivo di sostenere le imprese nell’affrontare la transizione energetica, aumentando la consapevolezza delle possibili alternative all’attuale quadro di approvvigionamento energetico, spingendo quelle che ancora non lo hanno compreso a divenire produttrici in tutto o in parte dell’energia della quale hanno bisogno, investendo sulle fonti rinnovabili, solare ed  eolico principalmente.

La transizione verso modi di produzione e consumo di energia più sostenibili è una sfida strategica e non procrastinabile. Le fonti di energia rinnovabile – FER – come l’energia solare, eolica, geotermica, idroelettrica e da biomassa, sono le nostre alleate non solo per la produzione energetica ma anche perché sono riprodotte da elementi naturali e non sono soggette ad esaurimento.

La sfida energetica, centrale anche nelle scelte politiche del nostro Paese, rappresenta un’opportunità per rispondere alle esigenze di uno sviluppo sostenibile, anche grazie alle risorse rese disponibili dal Piano nazionale di Ripresa e Resilienza.

L’obiettivo del progetto dedicato alla Transizione energetica è di informare le micro, piccole medie imprese conoscere le opportunità derivanti dalla transizione energetica, promuovendo l’adesione a fonti energetiche rinnovabili, elemento essenziale per far fronte alla crisi energetica che stiamo affrontando.

Le Comunità Energetiche Rinnovabili (CER) rappresentano, infatti, una possibile soluzione su come poter migliorare l’efficienza ed aumentare il risparmio energetico operando anche nell’ottica della sostenibilità.

Da questa idea, nascono le CER, promosse in Europa dalla Direttiva 2018/2001 RED II e recepite in Italia con il Decreto legge 162/19 e con il successivo D. Lgs 199/2021. Queste nuove realtà sono fortemente sostenute dal Piano nazionale di Ripresa e Resilienza, che, nell’ambito della Componente M2C2, destina 2,2 miliardi di euro, di risorse da utilizzare tra il 2023 ed il 2026: ne beneficeranno in particolare le amministrazioni pubbliche che risiedono nei Comuni con meno di 5 mila abitanti.

Le CER sono un’associazione tra cittadini, attività commerciali, imprese (la cui partecipazione alla comunità di energia rinnovabile non costituisca l’attività commerciale e/o industriale principale), enti territoriali ed autorità locali che decidono di unirsi per produrre e condividere energia elettrica necessaria al proprio fabbisogno, proveniente da impianti alimentati da fonti rinnovabili.

Sarà realizzato un Kit di materiale informativo che sarà messo a disposizione delle imprese attraverso i siti delle Camere di Commercio.

L’iniziativa dell’Ente in collaborazione con Dintec – Consorzio per l’Innovazione tecnologica delle Camere di Commercio – prevede la realizzazione delle seguenti attività:

  • iniziative info-formative per le imprese, professionisti, enti locali, associazioni di categoria, con l’obiettivo di fornire informazioni aggiornate sulle CER in relazione alla normativa, alle best practice ad oggi esistenti a livello nazionale e a tutti gli strumenti giuridici, organizzativi e tecnologici disponibili per la configurazione di una Comunità Energetica Rinnovabile;
  • use case con esemplificazioni pratiche di applicazione della CER sulle imprese operanti in contesti di interesse per il territorio (filiere, distretti, ecc.), con l’obiettivo di informare le imprese e gli stakeholder locali sulle possibili “configurazioni” che possono assumere le CER a livello territoriale;
  • desk informativi per un confronto ristretto con le imprese, gli attori del territorio (imprese, Associazioni di categoria, Associazioni di comuni) interessati ad attivare interventi di transizione energetica con esperti;
  • un tavolo territoriale con l’obiettivo di individuare e raccogliere i fabbisogni specifici delle imprese e degli altri stakeholder di riferimento (PA, cittadini, Associazioni di categoria, ecc.) con riguardo all’avvio di nuove Comunità Energetiche Rinnovabili sul territorio di riferimento.

ATTIVITÀ DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER IL FORUM DEL TERZO SETTORE

Unioncamere Veneto e le Camere di Commercio del Veneto organizzano un servizio di informazione, formazione, realizzazione di casi studio, desk di confronto e azioni di follow-up territoriale in materia di transizione energetica, in collaborazione con il Forum del Terzo Settore e Digital Green Jobs, nell’ambito delle attività del programma “Transizione Energetica” finanziato dal Fondo Perequativo 2021-2022.

Il progetto prevede le seguenti attività:

  • attività di informazione e formazione sulle opportunità legate all’efficientamento energetico ed ai bandi rivolti alle strutture dedicate ad attività socio-assistenziali;
  • analisi di pre-fattibilità per le strutture socio-assistenziali del Veneto, differenziate per territorio di riferimento;
  • desk informativi per le Imprese del Terzo settore sui temi delle Comunità Energetiche Rinnovabili e sui bandi di finanziamento per il terzo settore;
  • azioni di follow-up territoriale in materia di transizione energetica per gli Enti del Terzo Settore, in particolare di un tavolo di progettazione territoriale.

Il Forum del Terzo settore è un’aggregazione di molteplici soggetti che operano negli ambiti del volontariato, dell’associazionismo, della cooperazione sociale, della solidarietà internazionale, della finanza etica, del commercio equo e solidale. Digital Green Job è un’impresa sociale che sviluppa risposte concrete, anche in termini di efficientamento energetico, verso i bisogni delle coop ed associazioni assistenziali del Forum.

Ultima modifica: 19 Febbraio 2024